Conferenze geografiche di psicoanalisi


Nuova Delhi 22-24 marzo 2018 India International Centre (IIC)

Trauma e riconciliazione, da ricordare o da dimenticare?

Il prof. Sudhir Kakar ha curato la conferenza. Scarica il file Programma




Nuova Delhi: 12-14 gennaio 2018

Quinta conferenza psicoanalitica internazionale: esplorazioni psicoanalitiche dell'oscurità nella cultura e nella clinica

La psicoanalisi si basa su alcuni pilastri fondamentali: l'apprezzamento e la liberazione dell'energia psichica in modo che le forze erotiche vincolanti e amorevoli possano aumentare la risonanza qualitativa, creativa e artistica della vita umana. Questo di per sé è spesso contingente a un incontro e un confronto più profondi con gli aspetti conflittuali, negati e rinnegati dell'esistenza emotiva inconscia. Il processo di liberazione dalle ripetizioni paralizzanti e limitanti di schemi inconsci si basa sul riconoscimento e sull'elaborazione delle ombre più scure della vita: le nostre propensioni alla violenza, alla rabbia, all'invidia e alla distruttività. Questo incontro con i propri visi più oscuri implica anche esaminare il proprio dolore e la propria angoscia mentre si riconosce il dolore e valorizza il lutto. Scaricare PDF Programma



Carte della conferenza

- L'inumano nell'umano di Lorena Preta
- Oscurità: l'oscuro oggetto della psicoanalisi di Andrea Baldassarro
- L'invisibile e l'oscurità nella relazione psicoanalitica di Cosimo Schinaia
- La luminosa oscurità della passione di Alfredo Lombardozzi
- Sulla misteriosità di Mariano Horenstein






Un passaggio in India: Lorena Preta



Credo nell'insegnare alle persone a essere individui ea comprendere gli altri
.
- EM Forster, A Passage to India

Chiunque si rechi a Delhi, avrà sicuramente visitato la Città Vecchia.
Un incredibile labirinto di strade dove centinaia di persone, risciò, carri, voci, odori, clacson ininterrotti, si precipitano tutti insieme.
Bancarelle che espongono carne, uccelli e cani che si arrampicano per afferrare qualsiasi boccone rimasto a terra e parti di automobili che sembrano improbabili da usare come sostituti. Enormi mucchi di tessuti colorati ricoperti di polvere millenaria.
E poi di tanto in tanto la fretta interrompe. Tutto sembra fermarsi e bloccarsi in un groviglio apparentemente inestricabile e disordinato. Eppure, con la stessa logica incomprensibile, all'improvviso tutto ricomincia. Il traffico riprende, i risciò e le persone che sembrano rientrare su percorsi precisi che si sono interrotti, tracciando un senso nel caos totale. Guardando l'insieme, sembra impossibile sapere come e dove sia diretta questa folla di persone. Ogni movimento sembra accadere per caso o per seguire una logica indescrivibile.  Leggi il resto del rapporto della Conferenza di Lorena Preta. 


 

Firenze sabato 3 febbraio 2018

Dislocazioni: menti migranti, menti adolescenti tra eradicazioni e radicalizzazioni

Introduzione

La nostra proposta è di collegare la questione dell'immigrazione al tema dei soggetti dislocati che Geografie della psicoanalisi sta discutendo da tempo. Con questa definizione definiamo il fenomeno del decentramento, e decostruzione in cui viviamo oggi, caratterizzata da nuove forme di comunicazione e organizzazione sociale difficili da descrivere con i parametri usuali. Tant'è che possiamo ipotizzare di trovarci all'alba di un “nuovo soggetto”. Un soggetto davvero dislocato, portatore di nuove trasformazioni di cui non siamo ancora in grado di misurare la portata.

Da questo approccio si leggono anche i fenomeni migratori, che seguono percorsi geografici e politici, caratterizzati da conflitti, diversità irriducibili, traumi non elaborati o ibridazioni a causa dei fenomeni identitari minacciosi e confusi della globalizzazione. Oltre a ciò, questi fenomeni indicano anche la difficoltà di costruire i processi di soggettività sia nelle diverse popolazioni, con le loro specifiche forme culturali che nell'individuo. 
Esperienze che coinvolgono migranti e rifugiati, ma anche intere generazioni, segnate da un'insicurezza sociale capace di incidere profondamente sulle modalità dei legami sociali e psichici. Viviamo in un'epoca di precarietà simbolica, di “dislocazioni simboliche”, che per sua natura definisce soggetti alla ricerca di una definizione identitaria da costruire, o di un gap esperienziale da colmare, ma anche, per questo stesso motivo, soggetti aperti alla trasformazione .

Come guardare questi cambiamenti alle radici stesse della soggettività, indotti dalle trasformazioni antropologiche accelerate e spesso tumultuose di cui stiamo prendendo coscienza? Trasformazioni che si impongono a livello tecnico, in quanto carenti a livello di una adeguata simbolizzazione, e che talvolta sfociano in violenza cieca o in qualche tipo di alessitimia che impedisce ogni percezione o espressione emotiva.

Si tratta di una vera modificazione della struttura stessa dei legami simbolici, avvenuta sia nei processi psichici che sociali, dove sembrano essersi persi i legami strutturali e fondanti, che sono legati a una genealogia e ad una tradizione culturale con i suoi fondamenti miti. Una modifica dove le "brecce" che si aprono a diversi livelli sono apparentemente colmate da associazioni aderenti e mimetiche, tanto solide quanto fragili, o da tentativi reali di "ristabilire" l'identità con toni deliranti. 

Questo fenomeno può essere messo in parallelo, nel suo insieme, con la condizione adolescenziale e con i suoi percorsi travagliati. La mente migrante può essere associata a una mente adolescente che ha bisogno di crescere su una frontiera instabile, riformulando i suoi oggetti interiori, i suoi miti originari, le sue catene genealogiche e simboliche, di fronte all'emergere di impulsi impulsivi e fantasmi inconsci, che, nel “Passaggio” dell'identità, “piega” la sua fragile struttura soggettiva.
In questo quadro rientrano i fenomeni del radicalismo che sappiamo essere socialmente caratterizzati da una partecipazione prevalentemente giovanile e adolescenziale. Tra le varie motivazioni e le possibili interpretazioni, appaiono essere disperati tentativi di vendetta per le ingiustizie storiche subite, sebbene appartengano a generazioni precedenti, seguendo il fenomeno della trasmissione transgenerazionale, ipotizzando un luogo e un tempo idealizzati che dovrebbero ricostruire un'identità e una pura comunità "originale".

Nella ricerca di modelli interpretativi per riflettere su questa complessa realtà, e di strumenti adeguati per affrontarla dal punto di vista organizzativo, vorremmo quindi focalizzarci sulla "questione adolescenziale", come scenario capace non solo di rappresentare la fenomeni vari e drammatici dell'immigrazione e della società contemporanea ma anche le sue aperture in evoluzione.
 

Leggi Programma



Roma 23-24 giugno 2017: Incontri di Geografie della Psicoanalisi 


Giugno 23


* Introduzione di Alfredo Lombardozzi, Lucia Monterosa:
*Alfredo Lombardozzi, Il contributo di Sudhir Kakar agli studi su Cultura e Psiche
*Lucia Monterosa, Commenti al libro di S. Kakar Psicoanalisi e culture
*Sudhir Kakar, Sulla cultura e la psiche: il libro
 
Giugno 24

*Introduzione di Lorena Preta, Il soggetto dislocato
*Gohar Homayounpour, Intimità delle transincarnazioni in Iran: verso una 'etica dell'ambiguità'
*Jeanne Wolff Bernstein, Ph.D., Tha intimità di trans-vite


​​

2016 Vienna "Il soggetto dislocato"


 L'evento si è svolto presso il Museo Sigmund Freud e si è concentrato sul tema della “nuova soggettività”.

In un mondo dominato da nuove modalità di comunicazione, dalla tecnologia che sovverte la percezione del corpo, dalle nuove organizzazioni della famiglia e dei gruppi e dalla violenza globale, assistiamo a un traboccamento del soggetto. Il culto del corpo e della giovinezza, il desiderio di procreare anche senza la volontà condivisa della coppia, la mancanza di una coscienza collettiva, ecc. Ci parlano di un soggetto “dislocato”, un nuovo individuo, un ibrido, frutto di fusione di culture diverse.

 

Abstracts

Keynote Lecture di Paolo Fabbri

Sì, noi zombi possiamo

L'immaginazione del mediascape globale è occupata da una figura: il non morto. Un mostro virale all'incrocio di varie mitologie e credenze sul cambiamento dei limiti tra la vita e la morte. Lo strano comportamento collettivo degli zombi e le loro proprietà fisiche e mentali mutanti sono tra i molteplici segni della presente angoscia sul futuro dell'umanità. 

Lorena Preta

Introduzione: “The Time is out of joint”. Nuove soggettività

Per le interconnessioni create dalla cultura globale ci troviamo di fronte a un nuovo soggetto, un ibrido, frutto della fusione di culture diverse. Un soggetto che più che mai rappresenta l'intersezione di varie mitologie, religioni e credenze. 

Le contaminazioni e le frontiere riguardano le diverse culture e paesi ma anche il soggetto al suo interno. Si parla sempre della crisi del soggetto come se si stesse estinguendo ma è anche vero che si osserva nel mondo attuale uno straripamento del soggetto: il culto del corpo e della giovinezza, il desiderio di procreare anche senza il la volontà condivisa della coppia, la mancanza di coscienza collettiva, la rivoluzione nella comunicazione dovuta all'informazione virtuale, il senso profondo del terrorismo. Il soggetto in questa forma non è scomparso ma piuttosto "deformato" e "dislocato" senza la possibilità di essere un vero attore sulla scena mondiale.

Il tempo e lo spazio vengono alterati e il presente crolla sul passato e sembra non avere futuro.

Può la psicoanalisi interpretare questi fenomeni?

 

Vittorio Lingiardi

Nessuna mappa per questi territori. Essere cartografi della sessualità oggi.

Le nostre sessualità e i nostri generi sono costruzioni sia evolutive che relazionali: contemporaneamente biologiche e sociali, inventive e difensive. Derivano da predisposizioni genetiche e ormonali, aspettative familiari e pressioni sociali, conflitti e difese, fantasie, identificazioni e controidentificazioni, proiezioni e introiezioni. Nascono dal tentativo incessante di fare i conti con i propri piaceri, ansie, identità e soluzioni compromettenti.

span style = "color: # 0d0d0d;"> Trasformazioni rapide e imprevedibili stanno cambiando le nostre culture e sessualità: lidentità esbiche, gay, bisessuali, transgender, transessuali e queer; cybersessualità; nuove forme familiari risultanti da nuove possibilità di concepimento e filiazione. Oggi più che mai, citando il titolo impegnativo di un articolo del 1995 di André Green, potremmo chiederci: “La sessualità ha qualcosa a che fare con la psicoanalisi?”.

Durante il mio intervento affronterò alcune domande. Fa l'orientamento del nostro sessualità hanno a che fare con la costruzione e l'espressione del nostro genere? In che modo le pratiche e le identità sessuali sono correlate tra loro? Le nostre sessualità saranno guidate dal binarismo etero / gay o dall'inclusione bisessuale? In che modo la globalizzazione dei "diritti dei gay" avrà un impatto sulle culture non occidentali e, in generale, sulle principali religioni come il cristianesimo, il giudaismo, l'islam?


Gohar Homayounpour

Transincarnazioni in Iran 

Un approccio binario alla traiettoria transessuale sta diventando percepibile all'interno della psicoanalisi contemporanea.

Da un lato, gli psicoanalisti che applicano una lettura riduzionista di Freud hanno avuto la tendenza ad applicare un discorso eteronormativo, di atteggiamenti patologizzanti e moralizzanti. D'altra parte, negli anni più recenti, la letteratura psicoanalitica ha preso una svolta verso una transgenderità piena di un discorso umanitario politicamente corretto, a volte superficiale, dell'uguaglianza. È l'affermazione dell'autore che entrambi questi approcci continuano a parlare in nome dell'uguaglianza e della normalizzazione, molto lontano da un discorso psicoanalitico sovversivo della differenza. Questo articolo utilizzerà del materiale clinico di transincarnazioni in Iran nel tentativo di muoversi verso un discorso psicoanalitico sovversivo di non familiarità, dal punto di vista delle geografie della transgenderità. 

 

Pannello II      Dislocazione disincarnata

Jeanne Wolff Bernstein

L'intimità delle trans-vite

Richiede molta apertura e tolleranza per l'intimità per accettare un organo estraneo da un'altra persona, per far battere il cuore oi polmoni di un altro uomo nel proprio corpo. Una simile prontezza ad accettare un corpo estraneo è necessaria da una donna che fornisce il proprio grembo ad altre coppie affinché gestiscano i loro bambini nel proprio corpo. Quale senso di estraneità e alterità deve essere superato o desiderato per consentire a un'altra parte interna di un Altro di diventare parte della propria. Il mio articolo si concentrerà sulle fantasie e sulle dinamiche interne trasmesse da tali trasposizioni intime.

Mariano Horenstein

nell'oscurità. Un viaggio negli spazi virtuali

Quando Dante andò all'Inferno, guidato dal poeta Virgilio, poté vedere i peccatori a diversi livelli -secondo la gravità dei loro peccati- nella sofferenza eterna. Inizierò un viaggio in un altro Inferno, cioè il mondo delle nuove tecnologie e dei social network. Per quel viaggio, apparentemente lontano dalla nostra pratica centenaria, sceglierò come guida un altro poeta: un cieco e anacronico, Jorge Luis Borges. Con la guida di questo scrittore visionario, argentino e universale allo stesso tempo, cercherò di ritagliarmi alcune caratteristiche di questo mondo sotterraneo. Come conseguenza di questo viaggio nell'oscurità di Internet, Google che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana wikipedia, Facebook e Instagram, Youtube, Snapchat che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Second Life, Cercherò di isolare due delle principali caratteristiche di Borges - la cecità e l'anacronismo - come concetti capitali per ripensare la Psiconalisi nella nostra contemporaneità.


2015 Roma: Psychoanalysis in The World: Incroci tra culture



Rapporto finale diAlfredo Lombardozzi disponibile in INGLESE che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana ITALIANO


I documenti della conferenza possono essere trovati inclusi nel libro: Cartografie dell'inconscio. Un nuovo atlante per la psicoanalisi. A cura di Lorena Preta; Editore: Mimesis International 2015
 


Il convegno affronterà il tema delle interconnessioni tra la psicoanalisi e le diverse culture del mondo. In questo momento la psicoanalisi, nonostante sia stata messa in discussione da molti o accantonata a favore di interventi farmacologici e nuove terapie, paradossalmente allo stesso tempo, sta assistendo a un'enorme crescita in Asia, nei paesi arabi e nei paesi dell'est dove un tempo non aveva facile accesso. La domanda analitica ha un valore diverso nei diversi contesti e si intreccia con la cultura del luogo, sollevando l'inevitabile ma interessante domanda: esistono principi universali che supportano la visione della mente che la psicoanalisi offre? Ci si chiede come culture lontane dall'Occidente, dove si è sviluppata la psicoanalisi, possano portare nuovi contributi, attraverso le loro specifiche mitologie e le loro peculiari caratteristiche, alla visione dell'uomo proposta dalla psicoanalisi. Si pone anche la domanda se la necessaria e inevitabile ibridazione delle lingue, tipica di una società globale, possa aiutare a spiegare i fenomeni uncunny dei nostri tempi. Speakers: Rettore Università Luiss - Massimo Egidi | Presidente IPA - Stefano Bolognini | Presidente SPI - Antonino Ferro | Segretario Scientifico SPI - Tiziana Bastianini | Lorena Preta | Sebastiano Maffettone | Andrea Baldassarro | Sudhir Kakar | Jalil Bennani | Paolo Fonda | Maria Teresa Hooke | Fakhry Davids | Lin Tao

 

2014 Teheran 16-17 ottobrer: Geografie della psicoanalisi. Incontri tra culture

Programma inglese | Programma persiano

L'idea di organizzare una conferenza internazionale sulle geografie della psicoanalisi a Teheran è nata durante vari incontri con Gohar Homayounpour, l'analista iraniano e fondatore del Gruppo freudiano a Teheran, inoltre, questo gruppo di psicoanalisti ha lavorato sulla psicoanalisi clinica e teorica per molti anni in città. Nel progetto Geographies, che ha lo scopo di favorire l'incontro tra psicoanalisi e culture di diversi Paesi del mondo, c'è uno spazio speciale che è occupato dal rapporto tra psicoanalisi e cultura musulmana e, in termini più generali, con la Il mondo orientale nel suo insieme. L'incontro di Teheran non sarà centrato direttamente sulla cultura islamica ma utilizzerà la città e l'esperienza contraddittoria che nascerà dalla pratica della psicoanalisi in Iran come una sorta di contenitore di carattere profondamente problematico, e che, quindi, riverbera con la complessità dell'esperienza psicoanalitica. Abbiamo pensato di offrire sia ai nostri colleghi iraniani che argomenti pubblici di discussione che tocchino aree problematiche che devono affrontare anche gli analisti occidentali, o almeno argomenti che si prestano a dotare l'analista che è in grado di interrogarsi e che è disposto ad assorbire gli altri linguaggio e altri modelli di vita.

In momenti come i tempi attuali, nel cuore di un conflitto violento e brutale, dove tra i vari motivi geopolitici possiamo vedere un'infiammazione incontrollata e un'aggressione illogica, il viaggio in Iran non può non includere lo spirito di ricerca che mira a preservare la capacità di pensare anche attraverso gli strumenti della psicoanalisi.   

(Lorena Preta)     

Cartine lunghe
I documenti della conferenza di seguito possono essere trovati inclusi nel libro:  Geografie della psicoanalisi: incontri tra culture a Teheran. A cura di Lorena Preta; Editore: Mimesis International 2015

- Lorena Preta, Psicoanalisi: una mappa aggiornata della psiche
- Gohar Homayounpour, Geografia della prossimità (prestito da Derrida)
- Sudhir Kakar, Cultura in psicoanalisi
- Anna Ferruta, Costruire o decostruire storie e culture
- Alfredo Lombardozzi, Quali aree geografiche? Antropologia psicoanalitica della diversità umana
- Felix De Mendelssohn, I. Freud e i ginn. Facendo psicoanalisi in Algeria
- Felix De Mendelssohn, II. Globalizzazione e sviluppo della psicoanalisi
- Tiziana Bastianini, Il soggetto dell'affetto: come il "reale" può essere espresso in culture diverse
- Mariano Horenstein, Psicoanalisi in linguaggio minore
- Sophie de Mijolla-Mellor, Gli invarianti della coppia
- Silvia Ronchey, Linee di gesso

 

2014 Roma 5 aprile: Geografie della Psicoanalisi, Una Psicoanalista a Teheran



 Introduzione “Sono convinto dell'universalità del complesso di Edipo, e della lotta per il potere e il controllo che rappresenta mentre incarna al suo interno la paura universale della castrazione; tuttavia l'elemento culturalmente specifico sembra essere la reazione a questa paura. La mia premessa è che la fantasia collettiva iraniana è ancorata a un'ansia di disobbedienza che desidera un'obbedienza assoluta. I figli desiderosi di ribellarsi sanno inconsciamente che se lo fanno potrebbero essere uccisi, e così in un certo senso si accontentano della paura della castrazione. Trovo che questo sia caratteristico delle culture tradizionali "... Continua a leggere
 

Documenti:
- Lorena Preta, Il motivo delle geografie della psicoanalisi
- Giancarlo Bosetti, Il senso delle distanze
- Lorena Preta, Conclusioni
- Andrea Baldassarre, Alcune brevi osservazioni sul lavoro di Gohar Homayounpour
- Gohar Homayounpour, Una psicoanalista a Teheran - Silvia Ronchey, Le frontiere sono linee di gesso
- Tiziana Bastianini, Conserviamo forme d'esperienza psichica



2012 Pavia 6 Ottobre: Geografie della psicoanalisi



Introduzione “Nel nostro mondo globalizzato non si tratta certo più di esportare scienza o tecnologia, ma piuttosto di interrogarci ancora una volta e in modo sempre più approfondito sull'universalità dei presupposti che usiamo per pensare e organizzare la nostra visione della realtà, o la loro traducibilità. Ciò significa anche che dobbiamo continuamente metterci in condizione di cogliere i cambiamenti e la fertilizzazione incrociata che sono generati dai contatti tra culture e mentalità diverse ”. Leggi di più
Cartine lunghe
- Marco Francesconi, Apertura
- Lorena Preta, Cartografie di psicoanalisi
- Fausto Petrella, Geografie della psicoanalisi: Introduzione
- Livio Boni, De la psychanalyse à l'Inde, et retour. Formes et raisons de la réévaluation du féminin dans la modernité indienne
- Daniela Scotto di Fasano, Dialogo con Livio Boni
- Fethi Benslama, L'islam al riguardo de la psychanalyse
- Maurizio Balsamo, Conversazioni con Fethi Benslama
- Gohar Homayounpour, Il paradosso chiamato Iran
- Vanna Berlincioni, Dialogo con Gohar Homayounpour