I tre modelli di allenamento

L'IPA accetta modelli di formazione impiegati all'interno delle sue Organizzazioni costituenti e dei loro Istituti, che sono chiaramente basati sui modelli Eitingon, francesi e uruguaiani descritti di seguito, in quanto conformi ai requisiti IPA per la qualificazione e l'ammissione all'adesione all'IPA.

I termini Eitingon, francese e uruguaiano utilizzati per descrivere i tre modelli in appendice, non devono essere interpretati nel senso di implicare una posizione geografica in cui i modelli possono essere utilizzati, né ora né in futuro. Tuttavia, qualunque sia il modello di formazione utilizzato in ciascuna delle Organizzazioni e Istituti Costituenti IPA, deve essere chiaramente basato su uno dei tre modelli descritti nell'appendice, indipendentemente dalle regioni geografiche in cui si trovano le Organizzazioni e Istituti Costituenti.


APPENDICE PARTE A: BASE CONCETTUALE DEI TRE MODELLI



 

Eitingon

Francese

uruguaiano

1. 

Logica intellettuale

Basato sul concetto di educazione tripartita: analisi, supervisioni e un elemento teorico didattico di corsi e seminari. 

Per diventare un analista sono necessari analisi, curriculum didattico ed esperienza analitica supervisionata. L'analisi è parte integrante di formazione e nell'ambito dei suoi auspici. L'esperienza nell'analisi è vista come collegata a ciò che il candidato sarebbe pronto e in grado di sperimentare quando conduce l'analisi.

Basato sul concetto di educazione tripartita: analisi, supervisioni e un elemento teorico didattico di corsi e seminari. 

L'analisi, sebbene sia una componente richiesta del processo di formazione, è rigorosamente al di fuori dei confini della formazione. Non c'è "analisi della formazione" e nessun "analista della formazione". L'analisi può essere effettuata con qualsiasi membro IPA. È un passo molto importante per chiarire e elaborare la motivazione del candidato a diventare un analista.

Basato sul concetto di educazione tripartita: analisi, supervisioni e un elemento teorico didattico di corsi e seminari. 

Il modello nasce da una preoccupazione e reazione alla precedente concentrazione di potere; un tentativo di rendere la formazione più libera ed equa. Non esiste lo status di analista della formazione individuale. C'è trasparenza e uguaglianza delle diverse funzioni e gruppi coinvolti nella formazione. La psicoanalisi è una scienza congetturale, non esatta. Ciò che viene trasmesso è una capacità di ascolto, un'efficacia dell'inconscio, vicissitudini del sé e una passione infinita per la psicoanalisi.

2. 

Filosofia dell'educazione psicoanalitica (immersione, qualifica, laurea)

analisi mira a trattare le strutture di difesa, superare le resistenze, esporre e analizzare transfert nevrotici, materiale infantile, acquisire convinzione sugli stati mentali primitivi, deidealizzare l'analista e la professione. Ciò richiede comeun'immersione intensiva il più possibile in analisi, 3-5 volte a settimana. Allo stesso modo, anche l'esperienza di un candidato nella conduzione dell'analisi dovrebbe essere quanto più intensa possibile, ovvero 3-5 volte a settimana. La capacità di un'autoanalisi continua è un obiettivo ideale e previsto. Un candidato deve sviluppare un forte coraggio per questo.

Immersione requisiti: esistono requisiti numerici, ma è dubbio quanto siano utili per valutare la crescita individuale. I requisiti dovrebbero essere più personalizzati.

Lo strumento migliore per valutare la disponibilità a laurearsi è l'opinione collettiva dei supervisori. 

In Europa: è richiesta la presentazione di un caso ad alcuni forum (formazione degli analisti, un altro Istituto, un comitato) che valuta e decide. 

Nell' Stati Uniti e America Latina: alcuni Istituti richiedono una presentazione del caso finale.

analisi prosegue prima ammissione alla formazione. La frequenza non è determinata estrinsecamente ma intrinsecamente (solitamente 3-4 volte a settimana) tra l'analista e il candidato e dipende dalle indicazioni cliniche.

Il colloquio di ammissione valuta il qualitàdel processo analitico subito. I requisiti enfatizzano i contenuti e le dinamiche inconsce, ad esempio, flessibilità del funzionamento mentale, Edipo, passività e bisessualità, Apres-Coup, nevrosi infantile, introiezione della funzione analitica, capacità negativa, ecc. 

L'analisi della difesa è considerata "troppo psicoterapica". 

La supervisione è considerata come il processo che rende il candidato un analista. L'enfasi è sul profondo analitico ascoltare - il materiale del paziente e quello del candidato. 

Il supervisore svolge un ruolo essenziale ed equo nella valutazione e nella convalida - presenta il caso al gruppo di valutazione. 

Solo Membri a pieno titolo delle società può fare supervisione.

Per la analisi è necessaria una notevole immersione in termini di durata: 3 anni e mezzo prima dell'ammissione del candidato (con un analista IPA) e altri 1 anni (in concomitanza con la durata della formazione) dopo l'avvio presso l'Istituto (con un membro analista del gruppo di analisi ).

Ciò consente la piena immersione e regressione all'interno della cornice analitica e il funzionamento maturo nei confronti dell'istituzione.

La frequenza è almeno 3 volte a settimana, con periodi di maggiore intensità e regressione fino a 5 volte a settimana. Questa è una pratica raccomandata, decisa interamente tra l'analista e il candidato. Non è richiesta alcuna autorizzazione da parte dell'analista, non è richiesto il numero di ore. 

L'analista informa l'Istituto dell'inizio dell'analisi e solo se l'analisi viene interrotta unilateralmente durante l'allenamento.

La valutazione viene effettuata sulla base delle note scritte dei seminari; sessioni scritte di supervisione; a (tesi di laurea magistrale) di un caso di analisi con elaborazione teorica. La valutazione finale è da parte del comitato docente, sulla base dell'intero record, presentato e discusso all'intero Istituto quando il candidato concede il permesso.

Regressione anticipata nell'analisi ma limitata ad essa; formazione dell'istituto condotta secondo le linee universitarie, adottando una posizione matura e non regressiva.

3. Processo psicoanalitico alla base dei processi educativi

L'analisi della formazione dovrebbe accompagnare e sovrapporsi ai casi di controllo. Tuttavia, a causa della mancata segnalazione, la durata dell'analisi non è controllata. Molti istituti richiedono di essere avvisati quando un'analisi viene terminata o interrotta.


Il processo educativo è concepito in termini psicoanalitici, non in termini o approccio ordinari di "formazione professionale". Questo inizia con il posto riservato all'analisi e il fatto che è la base e il fulcro del colloquio di ammissione. Si prosegue con una supervisione che si avvale di ascolto, intervento e valutazione approfonditi; e infine il lavoro seminariale, che mira alla crescita personale più che alla padronanza teorica.

L'analisi richiede possibilità, tempo e spazio per la regressione.

Il processo educativo - seminari, corsi e supervisione - è modellato sul libero approccio accademico o universitario: è richiesto e valutato un lavoro scritto periodico; i candidati godono di un'ampia scelta di seminari e leader. L'elaborato finale è l'equivalente di una tesi di Master.

L'enfasi è sullo sviluppo della capacità di ascolto psicoanalitico.

4. 

Larghezza vs. Profondità di esposizione

Ampiezza: molti Istituti offrono un'ampia varietà e percorsi teorici separati, preferendo un'ampia esposizione. Alcuni ritengono che questo rifletta le divisioni nella facoltà e potrebbe portare a frammentazione e confusione. 

C'è un accordo apparentemente ampio sull'opportunità della teoria dei conflitti freudiana di base, rinviando gli altri a più tardi. 

C'è un interesse risvegliato in Freud in alcuni quartieri.

C'è un'enfasi generale su Freud. Oltre a questo, viene offerta la libertà di corsi e seminari e la libertà di scegliere da essi. Non un insegnamento di tipo universitario, ma trasmissione da parte del docente del proprio modello e dell'aspettativa che il candidato sviluppi il proprio. Ci sono alcune variazioni tra i paesi con teorici aggiuntivi offerti, ma generalmente si preferisce la profondità alla larghezza.

Esiste un ampio spettro di offerta teorica, per combattere il suo diventare ristretto e dogmatico. È inteso che non vi è opposizione tra profondità e ampiezza delle prospettive. Questo pluralismo teorico non si oppone alla profondità ma alla conoscenza enciclopedica che cerca di sintetizzare tutte le teorie esistenti (cioè si oppone al livellamento delle differenze teoriche). I candidati sono liberi di scegliere, insegnanti e di selezionare seminari e corsi.

5. 

Questioni di potere, autorità e autorizzazione

L'autorità è conferita al comitato per l'istruzione, con gradi diversi ma con un aumento della rappresentanza dei candidati. Lo status e il potere di Training Analyst è una questione e una preoccupazione molto diffusa. È diventato più democratico, le persone possono proporsi, ma crea ancora un sistema a due livelli, introducendo tensione. Molti sostengono che l'AT non dovrebbe essere uno status o una nomina a vita, ma una funzione. 

Esiste un conflitto attorno alla dispersione del potere: una maggiore democrazia è evidente, ma ci sono molte domande sui suoi effetti (ad esempio, "pluralismo e democrazia sono diventati parole d'ordine per qualsiasi cosa vada"; "differenza tra segretezza e riservatezza - la democrazia ha certi limiti in una società psicoanalitica ".

Il comitato di formazione fa parte della società psicoanalitica, alla quale è democraticamente responsabile. 

Non esiste un Istituto indipendente. 

Si verifica un progressivo livellamento della gerarchia dovuto all'abbandono della funzione di "analista formativo". I ruoli di insegnamento sono aperti anche a membri di diversi status. C'è un movimento verso una progressiva democratizzazione.

La base del sistema educativo è un tentativo di difendersi da una concentrazione di potere e salvaguardarne la dispersione.

La struttura è consapevole delle complicazioni transferali, delle idealizzazioni e delle passioni narcisistiche.

Il nutrimento dovrebbe venire dalle differenze ed evitare l'imitazione e la mimesi.

Diverse funzioni di formazione sono organizzate come "gruppi", non come uno stato o una funzione individuale. I gruppi sono: Gruppo di ammissione, Gruppo di supervisione, Gruppo di insegnamento e Gruppo di analisi, ciascuno dei quali ha il compito di condurre un aspetto specifico della formazione. Gli analisti richiedono l'ammissione a uno qualsiasi di essi, ma possono essere membri di un solo gruppo alla volta.

Il Comitato per l'Istruzione riflette questa struttura nella sua composizione.


 

 

APPENDICE PARTE B: ATTUAZIONE DEI TRE MODELLI




Eitingon

Francese

uruguaiano

PRE AMMISSIONE

REQUISITI

A. Il richiedente deve avere un titolo universitario e soddisfare i requisiti legali locali per il lavoro clinico.

B. Il richiedente deve presentare prove di integrità, onestà, maturità, flessibilità e capacità di autoosservazione.

C. Per l'analisi personale vedi sotto.

A. Il richiedente deve avere un titolo universitario e soddisfare i requisiti legali locali per il lavoro clinico.

B. L'analisi personale ha luogo interamente o principalmente prima dell'ammissione alla formazione.

L'analisi personale può essere con qualsiasi membro IPA. (Alcune eccezioni possono essere prese in considerazione). La frequenza (tre o più sessioni settimanali) e la durata sono determinate rigorosamente nell'ambito della relazione analitica.


A. Il richiedente deve avere un titolo universitario e soddisfare i requisiti legali locali per il lavoro clinico.

B. Deve essere stato effettuato un minimo di un anno e mezzo di analisi personale, con uno psicoanalista del Gruppo di psicoanalisti dell'Istituto, con una frequenza di almeno tre sessioni a settimana. L'analisi personale deve essere in corso al momento dell'applicazione. (Questo vale anche per i candidati dall'estero).

AMMISSIONE

A. Le procedure di ammissione possono variare, ma di solito viene chiesto al richiedente di intervistare tre diversi analisti membri del comitato di ammissione.

B. Le relazioni degli intervistatori sono discusse dall'intero comitato di ammissione.

C. Viene fatta una raccomandazione al Comitato per l'Educazione che prende la decisione finale.

A. I candidati devono avere almeno tre colloqui approfonditi con almeno tre diversi analisti della formazione, riconosciuti dall'Organizzazione Costituente come competenti per la valutazione dei candidati. Ogni intervista valuta la qualità e la profondità del processo analitico sottoposto.

B. La decisione finale ha luogo nel comitato di formazione: le interviste del candidato sono presentate dagli analisti della formazione che lo hanno incontrato e sono discusse in profondità con tutto il comitato di formazione. Il comitato deve includere più membri di quelli che hanno condotto le interviste.

A. I candidati devono avere almeno due interviste di ammissione condotte da diversi membri del comitato di ammissione.

B. L'intero comitato per le ammissioni prende le decisioni finali sulla base delle raccomandazioni tratte dai colloqui di ammissione.


ANALISI PERSONALE

A. L'analisi personale o formativa è un aspetto essenziale dell'educazione psicoanalitica. Preferibilmente dovrebbe iniziare un po 'di tempo prima che il candidato inizi le lezioni.

B. Accompagna il corso della candidatura. Ha lo scopo di aiutare il candidato a raggiungere un alto grado di stabilità, apertura, flessibilità e maturità del personaggio e di sviluppare le capacità necessarie per mantenere una posizione psicoanalitica aperta e creativa.

C. Questa analisi personale deve essere condotta da un analista della formazione approvato dall'Istituto responsabile dell'educazione psicoanalitica del candidato. Il candidato deve essere in analisi con un analista della formazione per un periodo di tempo sostanziale che si sovrappone al caso supervisionato.

D. L'analisi è privata e confidenziale.

E. L'analisi personale di un candidato deve essere condotta almeno quattro volte alla settimana fino al termine.

(Vedi i requisiti di pre-ammissione sopra.)

(Vedi i requisiti di pre-ammissione sopra.) Dopo l'ammissione, l'analisi personale deve essere condotta in concomitanza con gli aspetti didattici e supervisionati della formazione.

CURRICULUM E SEMINARI TEORICI

Il curriculum didattico è una serie programmata di seminari per un periodo di quattro o cinque anni o un minimo di 450 ore. Sebbene i titoli e la tempistica dei seminari variano tra gli Istituti, il curriculum è solitamente organizzato in modo da includere le seguenti materie:

1. Situazione e tecnica del trattamento psicoanalitico

2. Teoria psicoanalitica

3. Psicopatologia

4. Sviluppo

5. Seminari su casi continui e conferenze cliniche

6. Elettivi



A. L'enfasi è sullo studio delle opere complete di Freud, considerate come la base della formazione teorica.

B. I seminari sono organizzati dal comitato di formazione. I candidati possono scegliere i seminari che desiderano, ma i seminari di base sono obbligatori: metapsicologia, teoria della tecnica e almeno un seminario clinico.


A. I seminari curriculari sono condotti da a Allenatore completo.

B. L'attenzione si concentra sui concetti di base della psicoanalisi stabiliti nelle opere di Sigmund Freud e negli sviluppi successivi, con l'obiettivo di considerare l'ampia varietà degli attuali approcci psicoanalitici.

C. I candidati possono partecipare alla pianificazione di corsi teorici scegliendo seminari.

D. In accordo con il Gruppo di funzioni didattiche, il comitato di formazione ha il diritto di sospendere la formazione di un candidato.

E. Il numero di seminari e il curriculum è preparato dal Gruppo Didattico e il Comitato di formazione (Istituto) e approvato a grandi linee dall'Assemblea Generale dell'Organizzazione Costituente.

CASI ANALITICI SUPERVISITI

A. Il Comitato per l'Istruzione dell'Istituto (o il suo equivalente funzionale) è responsabile della valutazione della disponibilità del candidato ad iniziare il lavoro analitico supervisionato.

B. Il candidato deve essere supervisionato da almeno due diversi analisti di supervisione accreditati.

C. Sono richiesti almeno due casi (alcuni Istituti richiedono tre casi), sia maschi che femmine. Almeno uno degli analisti dovrebbe aver raggiunto la fase intermedia nella loro analisi ed è preferibile che un caso sia vicino alla conclusione prima della laurea del candidato.

D. Gli analisti della formazione non supervisioneranno il proprio analista in qualsiasi momento durante la candidatura.

E. In generale, la supervisione settimanale è appropriata, sebbene una supervisione meno frequente possa essere adatta ad alcuni candidati. I candidati dovrebbero avere almeno 150 ore di supervisione prima di laurearsi.

F. Il candidato deve incontrare il paziente, di persona, con una frequenza di quattro o cinque volte alla settimana in giorni separati, fino al termine.

A. Le supervisioni sono considerate una parte essenziale del processo di formazione.

B. Sono richiesti almeno due casi di trattamento psicoanalitico di adulti con due diversi supervisori. Una di queste supervisioni può essere o deve essere una supervisione di gruppo, in base all'opzione scelta dalla particolare Organizzazione Costituente.

C. I candidati scelgono i loro supervisori tra i membri riconosciuti del Comitato di formazione. L'analista personale non può essere un supervisore.

D. La frequenza delle sessioni (tre o più) per un'analisi supervisionata si basa sulle considerazioni del supervisore e del supervisionato e dipende dalle indicazioni cliniche.

E. Ogni supervisione, individuo o gruppo, deve continuare per un minimo di tre anni con una frequenza di una volta alla settimana. Il comitato di formazione svolge valutazioni intermedie delle supervisioni.


A. Le supervisioni devono essere simultanee all'analisi personale e ai seminari teorici e iniziare dopo completamento di quattro corsi in concetti base freudiani.

B. La pratica supervisionata consiste nella supervisione di due pazienti adulti lavorare in analisi con una frequenza di almeno tre sessioni a settimana.

C. La supervisione è di un membro di Gruppo di supervisori scelto dal candidato. Le supervisioni sono tenute settimanalmente per ogni analisi per almeno due anni senza interruzioni.

D. Ogni caso supervisionato deve essere approvato da un Supervisore e dal Gruppo di supervisori a cui è sottoposto.

QUALIFICHE

(Requisiti per la laurea.)

criteri:

A. Completamento riuscito di corsi didattici di almeno 450 ore.

B. Almeno 150 ore di supervisione, su almeno due casi analitici.

C. Rapporti delle autorità di vigilanza che concordano sulla competenza del candidato a condurre analisi.

D. Tutti i compiti di scrittura richiesti sono stati completati e sono stati ritenuti soddisfacenti.

E. Non ci sono problemi legali o etici irrisolti riguardo alla cura del paziente.

F. Tutti gli obblighi finanziari verso l'Istituto sono stati rispettati.

G. L'adesione all'Organizzazione Costituente locale è aperta a tutti i colleghi che si sono laureati e non hanno reclami legali o etici nei loro confronti.

A. La valutazione finale è un passo diverso dall'elezione come Membro (o Membro Associato) dell'Organizzazione Costituente.

B. La valutazione dei candidati è di competenza del comitato di formazione. I supervisori e i leader dei seminari riferiscono sull'evoluzione di ciascun candidato. Sono prese in considerazione anche valutazioni intermedie. Ciascun comitato organizza la valutazione del candidato al fine di valutare al meglio la capacità del candidato di intraprendere un trattamento psicoanalitico indipendente: mantenere il quadro, comprendere il processo analitico, apprezzare l'evoluzione del transfert e del controtransfert e formulare interpretazioni.

C. L'evoluzione del processo di supervisione è considerata l'elemento determinante per la qualificazione. Viene anche presa in considerazione la capacità di integrare la teoria analitica.

D. Una volta riconosciuta la formazione del candidato, il candidato non è più sotto gli auspici del comitato di formazione.

E. L'elezione come membro (o membro associato) dell'organizzazione costituente è il passo successivo, in conformità con lo statuto di ciascuna organizzazione costituente. In quel momento, diventa automaticamente un membro dell'IPA.

A. Il candidato presenta una richiesta scritta per diventare un membro (o un membro associato) dell'organizzazione costituente.

B. Dopo l'approvazione dei seminari svolti, l'esperienza supervisionata comprendente tutti gli incarichi scritti e la presentazione di un documento teorico-clinico che fornisce prove di articolazione della teoria psicoanalitica con la pratica, viene valutata da cinque membri nominati per questo dal Comitato di Formazione. Il comitato considera inoltre il rispetto di una rigorosa osservanza delle norme e dell'etica psicoanalitiche.

C. Il candidato prescelto viene proposto all'Assemblea Generale dell'Organizzazione Costituente di diventare un Membro (o un Membro Associato).


STRUTTURA DELLE FUNZIONI DI FORMAZIONE

Vedere la voce Codice procedurale IPA su Requisiti per la nomina di analisti della formazione e analisti della formazione intermedia.


Gli analisti della formazione hanno la responsabilità della selezione, supervisione e organizzazione di seminari teorici e clinici e delle valutazioni intermedie e finali dei candidati. Sono eletti dalla loro Organizzazione costituente per queste funzioni.


A. Il Gruppo di funzioni didattiche svolge tutte le attività di formazione in coordinamento con il Comitato di formazione. Si compone di tre sottogruppi:

1. Gruppo di psicoanalisti - responsabile delle analisi personali dei candidati e dei potenziali candidati.

2. Gruppo di supervisori - responsabile dei casi controllati e della valutazione delle relazioni scritte.

3. Gruppo di formatori - responsabile del curriculum e dei seminari, compresa la raccolta e la revisione delle valutazioni dei candidati da parte di diversi gruppi di formazione.

B. Tutti i gruppi di formazione hanno anche compiti di ricerca e organizzativi e la partecipazione alle riunioni regolari è obbligatoria.

C. I membri (e i membri associati) possono presentare domanda e aderire a gruppi didattici purché rispettino le regole e gli standard del comitato di formazione e del gruppo di formazione specifico.