Gruppi di lavoro e gruppi di lavoro dell'IPA in Nord America


Introduzione 
Ispirati dall'esempio dei gruppi di lavoro della Federazione psicoanalitica europea (EPF) nel 2008, i gruppi di lavoro sono stati avviati in Nord America sotto gli auspici della Confederazione psicoanalitica nordamericana (NAPsaC). È stato formato un comitato direttivo e nel giugno 2008 si sono tenuti due seminari CCM in concomitanza con la riunione annuale dell'American Psychoanalytic Association (APsaA) ad Atlanta. Nel 2009, SPTT si è unito a CCM tenendo seminari al Winter Meeting di APsaA a New York. Moderatori europei esperti sono venuti in Nord America per condurre seminari e nordamericani hanno partecipato alle riunioni del gruppo di lavoro europeo per apprendere i metodi. Ciascuno dei gruppi di lavoro NA ha tenuto riunioni tra i seminari regionali, per esaminare i risultati del seminario, perfezionare le metodologie e far avanzare i progetti di ricerca. La collaborazione continua con i gruppi di lavoro sponsorizzati da EPF e FEPAL è stata parte del processo. Nel 2010 la riunione annuale del gruppo di lavoro si è espansa per includere il gruppo di lavoro sull'avvio della psicoanalisi e il forum clinico sull'ascolto dell'ascolto (CFO) insieme a CCM e SPTT. I seminari si sono tenuti presso la Fordham University di New York. In aprile e ottobre si sono tenuti incontri più piccoli con CCM e seminari SPTT presso il San Francisco Center for Psychoanalysis. I membri del gruppo di lavoro nordamericano hanno partecipato come organizzatori e moderatori per il pre-congresso del gruppo di lavoro IPA iniziando a Chicago e proseguendo a Città del Messico e Praga. I risultati dei progetti di ricerca hanno iniziato a essere restituiti alla più ampia comunità psicoanalitica attraverso presentazioni e documenti.

 

Dal 2011 in poi lo Steering Committee ha essenzialmente funzionato in modo indipendente con sussidi continui dall'IPA e un supporto molto apprezzato dalla Contemporary Freudian Society (CFS), dal New York Psychoanalytic Institute & Society (NYPI & S) e dal San Francisco Center for Psychoanalysis (SFCP) . Il Comitato direttivo si riunisce regolarmente tramite conferenze telefoniche e ha organizzato le proprie conferenze annuali di seminari presso la NYPI & S nell'inverno del 2011, 2012 e 2013. Nel 2011 è stato formato un gruppo di lavoro di fine formazione e tutti e 4 i gruppi di lavoro nordamericani hanno partecipato a questi conferenze con un numero di partecipanti compreso tra 60 e 90. Ogni gruppo di lavoro tiene anche le proprie riunioni separate dei moderatori durante l'anno.

 

Inizialmente i seminari erano riservati ai membri dell'IPA. A partire dal Congresso IPA di Chicago nel 2009, ciascuno dei gruppi di lavoro (eccetto End of Training) ha incluso i candidati nei loro gruppi con buoni risultati. Si sta esplorando il potenziale di organizzare gruppi di lavoro specifici per i candidati.

 


 


Gruppi di lavoro individuali e gruppi di lavoro

Il gruppo di lavoro sui metodi clinici comparativi (CCM)

 

Il gruppo CCM in Nord America è stato fondato dall'abate Bronstein in collaborazione con David Tuckett e Jorge Canestri nel 2008 come parte di un progetto finanziato dall'IPA per avviare gruppi di lavoro in Nord America. I primi gruppi NA CCM si sono tenuti ad Atlanta come parte degli incontri APsaA. Due europei hanno moderato con membri del gruppo NA e presentatori di LA. Da quel momento, il CCM ha gestito gruppi con moderatori di NA a New York, San Francisco e i Congressi a Chicago e Città del Messico. Alla fine il CCM ha formato dai membri dei gruppi IPA nordamericani un gruppo di lavoro composto da 9 membri. Al momento il gruppo ha 5 membri analisti IPA in corso e 5 consulenti in Nord America con altri consulenti che vengono coinvolti secondo necessità per i progetti. Questi consulenti sono membri temporanei del gruppo di lavoro stesso.

 

Il gruppo di lavoro si riunisce fino a due volte all'anno in Nord America per discutere i casi presentati nei workshop clinici in Nord America e nelle riunioni dell'IPA. Questi incontri sviluppano ulteriormente il metodo, ma chiariscono e sviluppano documenti e progetti sul pensiero analitico. Al momento abbiamo 25 casi nordamericani allo studio. Inoltre NA CCM si incontra con i presidenti del CCM e i membri del gruppo di lavoro delle regioni EPF e FEPAL a New York e in Europa alle riunioni dell'EPF, dell'APsaA e dell'IPA. 

 


Un documento è stato presentato in un panel a Città del Messico alle riunioni dell'IPA e altri due sono stati presentati sulla base dei risultati degli incontri dell'IPA a Praga nel 2013. Questi documenti sono stati scritti principalmente dall'abate Bronstein (sul "qui e now ”e“ analyst as object ”) e Marie Rudden (“ sugli usi del concetto di transfert ”) con l'aiuto dei consulenti e di altri membri del gruppo di lavoro. Ci stiamo impegnando attivamente a lavorare con i gruppi del gruppo di lavoro CCM latinoamericano ed europeo, partecipando a riunioni, co-moderando gruppi clinici e condividendo dati, documenti e idee. Il nostro impegno è quello di avere una maggiore cooperazione e consultazione interregionale per il gruppo di lavoro CCM, ora che è stabilito in tutte e tre le regioni dell'IPA.

 

 

Il CCM è stato progettato per consentire agli analisti di parlare oltre i confini teorici, linguistici e culturali. Il metodo clinico comparativo inizia con un presupposto fondamentale. Il presentatore di ogni gruppo è uno psicoanalista che presenta un'analisi. I membri dei gruppi hanno un compito di lavoro: capire come funziona l'analista che presenta. Il gruppo tenta di scoprire sia la teoria analitica esplicita che quella implicita e il metodo dell'analista che presenta. Il presentatore porta un breve background al caso e alle sessioni analitiche che rappresentano il loro modo di lavorare con questo paziente. Durante le due giornate di incontri il gruppo inizia la discussione concentrandosi direttamente sul modo di lavorare del relatore, prima valutando in profondità la funzione e lo scopo di ogni "intervento" (Step1). Durante la Fase 2, i membri del gruppo "costruiscono" dalla loro discussione sulle ore cliniche, un'immagine del lavoro del relatore. Il gruppo lavora sul "modello esplicativo" dell'analista: "come spiega questo analista le difficoltà del paziente"; "quali sono le idee dell'analista su come avviene il cambiamento"; "come pensa l'analista al transfert"; e "la dinamica inconscio quando entra nella sessione "; e" in che modo il modo e il modo di intervento dell'analista favoriscono l'analisi ". Nel processo di discussione, ogni partecipante insieme al relatore diventa più chiaro su come loro e gli altri analisti lavorano nei loro studi I partecipanti devono essere psicoanalisti. 

 


Abate A.Bronstein- Presidente nordamericano CCM  [email protected]

Marie Rudden - Co-presidente nordamericana CCM [email protected]



Documenti

 

 



Il gruppo di lavoro sulla mente del garante: valutazione della fine della formazione (WPETE)

Il WPETE è relativamente nuovo in Nord America. Con il crescente apprezzamento degli aspetti unici di questo gruppo di lavoro abbiamo aggiunto al titolo "La mente del supervisore: gruppo di lavoro fine formazione". Dal nostro primo incontro a New York City nel 2011 guidato da Eike Hinze, abbiamo tenuto tre riunioni nel 2012 e nel 2013.

 

In piccoli gruppi, gli analisti della formazione si concentrano sulla comprensione della mente del supervisore mentre valuta i progressi di un candidato psicoanalitico verso il diventare uno psicoanalista. Un analista / supervisore presentatore fornisce esempi clinici dal suo lavoro di supervisione con uno o due candidati, se possibile, dalla supervisione di un candidato che lui o lei percepisce è pronto per la laurea e uno che non lo è ancora. Mentre la sessione di supervisione e il pensiero del supervisore prendono vita nel gruppo, i partecipanti considerano il modo in cui il relatore ha pensato alla disponibilità del candidato a funzionare come psicoanalista laureato. I criteri del presentatore per le sue idee su cosa sia un buon lavoro psicoanalitico, che può essere implicito o "dato per scontato", emerge nel processo di gruppo. Il compito dei membri del gruppo è costruire il modello di valutazione dei progressi del candidato da parte del presentatore e testare questa costruzione con il presentatore. Il gruppo pone domande come: qual è il punto di vista del relatore sulle dinamiche e sulla psicopatologia del caso supervisionato (conflitti, deficit dello sviluppo, traumi ecc.)? Qual è la teoria del cambiamento psichico del presentatore, che guida la sua valutazione del candidato? (Ad esempio, che tipo di esperienze pensa che il candidato debba aiutare a facilitare nel paziente?) Come pensa il presentatore / supervisore del lavoro del candidato con il transfert e il controtransfert, ecc.? In che modo il presentatore pensa che un analista dovrebbe ascoltare l'inconscio del paziente? Il presentatore ha una teoria della tecnica che guida il modo in cui pensa che il candidato debba intervenire e interpretare? Il gruppo avrà anche l'opportunità di considerare come il programma di formazione e la cultura di un istituto (esplicito e implicito) potrebbero influenzare il lavoro del supervisore e discuterà e confronterà sottili differenze nei modelli di formazione per vedere come potrebbero influenzare il modo in cui il supervisore lavora con i candidati . Il processo di gruppo mentre esamina la mente del supervisore è quello della scoperta.

 


Nancy Kulish - Presidente nordamericana: [email protected] 
Marianne Robinson - Presidente nordamericana: [email protected]



Il forum del gruppo di lavoro sulle questioni cliniche

Questo gruppo di lavoro utilizza un metodo di lavoro denominato "Ascoltare per ascoltare" creato da Haydée Faimberg dal suo concetto clinico, che scopre come gli analisti ascoltano il materiale clinico da un presupposto di base implicito. Questo metodo consente a ciascuno dei partecipanti di iniziare a riconoscere i propri presupposti di base e quelli degli altri partecipanti per capire come funziona l'analista che presenta ".

 

Mentre tentiamo di sviluppare nuovi modi per affrontare la nostra discussione su questioni cliniche, sembra inevitabile che allo stesso tempo teniamo a mente come psicoanalisti i nostri costrutti (non possiamo non avere una teoria). Sarebbe un'illusione immaginare di comprendere appieno i presupposti di base del presentatore (alla base del suo particolare modo di lavorare) traducendo nel nostro linguaggio psicoanalitico ciò che il presentatore sta cercando di trasmettere. Ogni analista / traduttore ha i propri presupposti di base con i quali traduce. Fa parte dei nostri obiettivi comprendere il lavoro del presentatore; riconoscere non solo i presupposti clinici di base del relatore, ma anche riconoscere i nostri presupposti. Cercheremo di capire da quale teoria stiamo ascoltando il Presentatore e da quale teoria il Presentatore sta ascoltando il suo paziente (e interpretando o meno).


Esploriamo l'impatto che i presupposti teorici di ogni partecipante hanno sulla discussione stessa e co-creiamo un linguaggio. Più spesso di quanto pensiamo il materiale clinico viene ascoltato da un presupposto di base implicito scelto (riconosciuto o meno). In questo tipo di dialogo avremmo utilizzato la funzione di 'ascolto all'ascolto', che inizialmente avevo limitato all'ascolto psicoanalitico in seduta: dal divario esistente tra ciò che il partecipante pensava di dire e come è stato effettivamente ascoltato il Potrebbero apparire fonti di incomprensioni e iniziamo a riconoscere i presupposti di base di ogni partecipante. Pertanto, ascoltare i malintesi è uno strumento prezioso per scoprire diversi presupposti di base impliciti.

 


Presidente: Haydée Faimberg

 



Il gruppo di lavoro sull'avvio della psicoanalisi

 

Il WPIP tiene seminari clinici in piccoli gruppi per capire come gli analisti creano un'opportunità specificamente psicoanalitica nelle interviste preliminari. Il Gruppo di lavoro dell'EPF sull'iniziazione della psicoanalisi (WPIP) è stato istituito nel 2004 per sviluppare competenze su come iniziare il trattamento psicoanalitico e, in particolare, come trasmettere a un paziente impreparato l'opportunità specifica offerta dall'esperienza della psicoanalisi.

 


Il gruppo di lavoro nordamericano per l'avvio della psicoanalisi è iniziato nel 2010 con Ted Jacobs come presidente e Nancy Wolf come co-presidente. I membri del WPIP europeo, Bernard Reith, presidente, Elisabeth Skale e Rudi Vermote hanno offerto generosamente il loro tempo e la loro esperienza per aiutarci a sviluppare il nostro gruppo di lavoro. Ad oggi abbiamo organizzato 5 gruppi per membri e candidati IPA in Nord America. I partecipanti hanno espresso apprezzamento per il lavoro stretto e intimo, l'opportunità di pensare con analisti di diverse prospettive teoriche e per la profondità del pensiero clinico realizzato nel corso della giornata. Riteniamo che l'avvio della psicoanalisi sia particolarmente utile per i candidati e includiamo un numero in ciascuno dei nostri gruppi.

 

Il WPIP ha lanciato uno studio per esaminare come questo viene fatto da colleghi esperti, utilizzando laboratori clinici in piccoli gruppi per esplorare le interviste preliminari psicoanaliticamente e sviluppare teorie basate sull'esperienza delle loro dinamiche. Si tratta di una presentazione del caso seguita prima da una discussione di gruppo in libera associazione e poi da un esame più mirato e strutturato del materiale. I partecipanti scoprono di imparare dall'esperienza nello stesso momento in cui contribuiscono al progetto collettivo. Questa procedura è stata ora estesa per includere lo studio di colloqui preliminari che non hanno portato alla psicoanalisi, portando ad esempio alla psicoterapia oa nessun trattamento. I workshop non vengono informati in anticipo sull'esito e iniziano lavorando alla cieca sui risultati delle interviste, per affinare la loro esplorazione del materiale e per vedere se possono o meno rilevare differenze nelle dinamiche delle consultazioni preliminari che portano all'analisi e quelle che non lo fanno. I partecipanti registrati riceveranno informazioni preparatorie più dettagliate su metodi e procedure prima dei workshop.

 

Inizialmente abbiamo adottato sia la procedura che le domande di ricerca dell'EPF WPIP. Le loro scoperte riguardanti la tempesta emotiva che si verifica nei primi incontri ci hanno colpito e abbiamo voluto approfondire la ricerca su come le potenziali coppie analitiche affrontano questo tumulto. Man mano che il nostro gruppo di lavoro NA si evolve, abbiamo iniziato a sviluppare la nostra indagine sulla base del lavoro dell'EPF WPIP
 

Siamo interessati alla natura del lavoro interno dell'analista di fronte alla “tempesta emotiva” delle consultazioni iniziali. Ci interessa discernere fino a che punto gli elementi di fiducia, curiosità e apertura sono disponibili per la diade analitica iniziale. Come e quando la paura e la preclusione prevalgono sull'apertura richiesta per il significato emergente. Come il bisogno di certezza in mezzo a questo tumulto può ostacolare la capacità di curiosità dell'analista e portare ad un atteggiamento autoritario. Ci interessa quando elementi concreti come "poche risorse" o "poco tempo" vengono presi per valore nominale e inibiscono l'esplorazione psicoanalitica, e come l'analista e il paziente possono lasciare il campo aperto per consentire l'esplorazione di queste possibili resistenze.


 Per approfondire la nostra indagine abbiamo sviluppato alcune nuove domande per il lavoro di gruppo. Queste domande ci consentono di concentrarci e indagare se l'analista in una prima consultazione con un particolare paziente può accedere a ciò che pensiamo come una funzione di rêverie. Stiamo cercando di apprezzare entrambi i limiti umani nel gioco che precludono le evoluzioni di significato, e tuttavia, di diventare più consapevoli dei momenti nell'analista in cui lui o lei può acquisire consapevolezza del dolore o dell'emozione del paziente con sufficiente apertura e ricettività. Ci interessa apprendere come sia i limiti che la ricettività dell'analista e della coppia analitica influenzano la decisione di iniziare un'impresa psicoanalitica. Nelle nostre riunioni dei moderatori siamo stati anche colpiti da come le dinamiche inconsce della consultazione iniziale si siano riversate nelle scene successive del workshop e poi nel gruppo dei moderatori. Questa è la nostra direzione di ricerca per i prossimi anni.

 


Nancy Wolf - Sedia nordamericana: [email protected]

 



Il gruppo di lavoro sulla specificità del trattamento psicoanalitico oggi

Il WPSPTT è stato formato in consultazione con Serge Frisch ed Evelyne Sechaud, Leopoldo Bleger e il gruppo di Parigi. Nel 2009 si è tenuto un gruppo WPSPTT all'incontro invernale dell'APsaA a New York. I moderatori di NA sono stati ospiti nel Gruppo di Parigi per studiare il lavoro del WPSPTT. Sechaud, Frisch e Philippe Valon sono venuti alle riunioni del gruppo di lavoro nordamericano e hanno lavorato più volte nei gruppi. La consultazione e il lavoro interregionale con europei e latinoamericani è stato prezioso ed è ancora in corso e necessario.

 

WPSPTT è un metodo di ricerca fondato da Evelyne Sechaud, che ha sviluppato il lavoro dei gruppi clinici ampliando le idee di Johan Norman, Bjorn Salomonsson e Jean-Luc Donnet. Il metodo si basa su una relazione analogica tra le sedute analitiche e la loro narrazione. Il gruppo di lavoro ha scoperto che, grazie al pensiero associativo degli analisti che lavorano insieme, il gruppo di ricerca clinica funziona come un'eco ingrandente della relazione transfert-controtransferale tra paziente e analista. I piccoli gruppi clinici sono composti da 12 a 15 analisti di diverse culture analitiche che lavorano per un giorno e mezzo sullo stesso materiale clinico. Il relatore non si riferisce più del necessario al contenuto della sessione (discorso, affetti e azioni) senza fornire alcuna indicazione sulla biografia, la storia dell'analisi o l'ambientazione. Quindi rimane in silenzio senza rispondere alle domande sollevate nel gruppo. La regola fondamentale del gruppo è associarsi liberamente al materiale clinico. Il gruppo così "costruisce" il paziente, ogni partecipante usando i suoi riferimenti teorici espliciti e impliciti. Attraverso il lavoro di gruppo il divario tra teoria e pratica (J.-L. Donnet) diventa così realtà e rende possibile la sua esplorazione. Il relatore quindi entra nella discussione e presta i suoi pensieri e sentimenti al lavoro di gruppo. Questo passaggio consente al gruppo di valutare l'après-coup le costruzioni elaborate durante il passaggio precedente.

 


In Nord America, la possibilità che il lavoro psicoanalitico possa essere ricercato con una metodologia psicoanalitica è stata ed è ancora enormemente ben accolta, in particolare da quegli analisti che vogliono studiare il lavoro psicoanalitico da un quadro diverso dai metodi quantitativi che ci sono ben noti ma da altre discipline. I gruppi negli Stati Uniti hanno avuto analisti da ben cinque regioni, nonché da Stati Uniti e Canada. I membri del gruppo apprezzano la profondità e la sostanza del lavoro, il valore portante di lavorare con la metodologia e il valore unico del lavoro per i relatori riguardo agli aspetti del controtransfert transferale e allo spazio riflessivo della mente analitica. 

 

Il gruppo moderatore, composto da H. Basseches, L. Johnson e M. Mann, è desideroso di aggiungere analisti canadesi, coreani e giapponesi quando possibile, essendo questo lavoro internazionale il gruppo target del progetto originale. 

 

La dedizione agli obiettivi tri regionali del lavoro interregionale e della ricerca regionale è stata al centro del WPSPTT. Il passo della ricerca sarà presto intrapreso ed è stato dietro le quinte a causa delle limitazioni nei finanziamenti e fino a quando il gruppo moderatore non ha avuto abbastanza esperienza di gruppo e materiale per iniziare a studiare il lavoro. Speriamo di lavorare con i membri del gruppo di Parigi mentre facciamo questo passo.

 


L'esperienza di lavoro di gruppo è stata positiva e si dice che sia unica per analisti e candidati che partecipano e presentano ed è costantemente rivista come utile nel lavoro analitico e importante per una profonda immersione negli incontri clinici con i colleghi. I partecipanti esprimono spesso interesse per i risultati della ricerca rispetto ai risultati delle altre regioni. I relatori spesso trovano utile il lavoro al ritorno nello studio. Ora abbiamo un elenco di analisti che chiedono di presentare materiale nei gruppi e inviti a parlare del progetto e tenere gruppi di vari analisti. Siamo stati anche contattati per discutere i metodi correlati che vengono sperimentati in tutto il paese con il lavoro di gruppo WPSPTT che apre quella discussione. 

 

David Stevens, che ora è il co-presidente del WPSPTT, (2013), ha un interesse speciale per i gruppi di soli candidati. Ci siamo interessati al beneficio dell'esperienza di gruppo sia per gli analisti esperti che per i candidati.


Ronnie Shaw - Presidente nordamericano,  [email protected]
David Stevens - copresidente nordamericano. 

 



 
Il gruppo di lavoro sull'osservazione clinica (CO)

In piccoli gruppi (da 10 a 12) viene discusso un materiale clinico per 12 ore utilizzando il modello a tre livelli (3-LM) per l'osservazione delle trasformazioni del paziente, guidando l'osservazione e la discussione da 3 livelli: 1) descrizione fenomenologica del processo analitico; 2) Le principali dimensioni del cambiamento; 3) Le ipotesi teoriche dell'analista sul cambiamento.

 

Nel materiale vengono mostrati tre diversi momenti significativi selezionati dagli analisti e il gruppo discute i cambiamenti (positivi o negativi) avvenuti nel paziente, o la loro assenza, nel corso dell'analisi. Il presentatore, l'analista, partecipa attivamente all'attività.

 

Le osservazioni cliniche in questi due o tre punti di riferimento dovrebbero descrivere il materiale clinico in grande dettaglio, incluso il contesto del materiale (sessioni o parti selezionate delle sessioni, fase della psicoanalisi, reazioni di transfert / controtransfert, ecc.) Consentendo il resto del i partecipanti a seguire le argomentazioni dell'autore nonché a costruire il proprio giudizio sulla trasformazione del paziente illustrato dal materiale clinico presentato.

 


Intendiamo dare un contributo al miglioramento delle osservazioni cliniche, della sua documentazione e della sua comunicazione al fine di contribuire al lavoro analitico, nonché alla stesura di documenti clinici o altre forme di condivisione di intuizioni cliniche. Ascoltare e osservare sono aspetti fondamentali del nostro lavoro. Dobbiamo lavorare in questo "secondo sguardo" non solo per scoprire i processi inconsci sottostanti, ma anche per aiutare il paziente a trovare il proprio percorso che potrebbe aiutarlo a modificare la sua situazione difficile attuale.

 



Un miglioramento dell'osservazione clinica richiede passaggi nella sistematizzazione

 

Il termine "trasformazione" è qui usato nel suo senso più comune, che significa un cambiamento o un cambiamento. I processi di trasformazione possono essere illustrati solo in una certa linea temporale e necessitano di almeno due o tre punti di riferimento, relativi alla stessa dimensione simile. Un punto di partenza (che potrebbe essere posto nelle interviste di valutazione, quando il paziente mette in atto le sue fantasie e conflitti inconsci centrali nella relazione (transfert-controtransfert), rispetto ad analoghe dettagliate osservazioni cliniche nelle successive sessioni di psicoanalisi.

 

I gruppi possono includere membri e candidati.

 

L'ultima versione del modello può essere scaricata dal sito Google del comitato https://sites.google.com/site/clinicalobservation/ dove si trova anche un video esplicativo.

 

Questo comitato persegue l'obiettivo di favorire la creazione di gruppi nelle diverse società psicoanalitiche che lavoreranno sugli aspetti evidenziati dal modello come un modo per aiutare a migliorare l'osservazione clinica psicoanalitica, i test teorici e quindi i trattamenti psicoanalitici più efficaci Il comitato fornisce supporto a tutti gruppi tramite e-mail e Skype quando necessario.

 



Documenti

 

Modello a tre livelli per l'osservazione delle trasformazioni del paziente

 

Ricardo Bernardi Método de análisis de Observación Clínica

Marina Altmann, presidente [email protected]

 




Comitato direttivo

Il comitato direttivo è composto da rappresentanti delle organizzazioni affiliate all'IPA in Nord America e dai presidenti dei gruppi di lavoro. Il presidente del comitato direttivo ruota tra i rappresentanti delle organizzazioni componenti.

 



Membri attuali e passati del Comitato direttivo:
Nancy Wolf, presidente
Maxine Anderson, co-presidente
Robert White, Tesoriere
Abate Bronstein, ex presidente
William Glover, ex tesoriere
Margaret Ann Hanly, ex presidente
Nancy Kulish
Marianne Robinson /
Marie Rudden
Ronnie Shaw
David Stevens

 



Membri passati:
Harriet Basseches, ex tesoriere
Richard Reichbart
Peter Rudden
Beth Seelig, ex presidente

 


Adesione al gruppo di lavoro

 

Metodi clinici comparativi
Abate Bronstein, presidente, San Francisco
Marie Rudden, co-presidente, Berkshire
Phyllis Cath, San Francisco
Martin Gauthier, Montreal
Robert White, Yale
Barbara Rosen, San Diego
Beth Seelig, Colombia

 

Membri passati:
William Glover, San Francisco
Margaret Ann Hanly, Toronto
Alex Tarnopolsky, Toronto

 

 



Fine della formazione
Nancy Kulish, co-presidente, Michigan
Marianne Robinson, copresidente, Northwestern
Margaret Ann Hanly, Toronto

 



Specificità del trattamento psicoanalitico
Ronnie Shaw, presidente, Denver
David Stevens, copresidente, Denver
Harriet Basseches, freudiano contemporaneo
Leslie Johnson
Mali Mann, San Francisco

 



Avviare la psicoanalisi
Nancy Wolf, sedia, freudiana contemporanea
Maxine Anderson, della Northwestern
William Glover, San Francisco

 

Membri passati:
Lee Brauer, New England occidentale
Ted Jacobs, Past-Chair, New York