PSICOANALISI BAMBINO

Cos'è la psicoanalisi? Che cos'è la psicoanalisi infantile?

Pubblicato il 14 agosto 2009 da Paul C. Holinger, MD in Grandi figli, Grandi genitori

La psicoanalisi, secondo il dizionario, è un metodo per comprendere i fenomeni psicologici e trattare i disturbi emotivi. La psicoanalisi è stata chiamata "terapia del parlare". La componente del trattamento prevede sessioni durante le quali il paziente è incoraggiato a parlare liberamente di esperienze personali, inclusi sentimenti, fantasie, relazioni, infanzia, genitori e fratelli, sogni e così via. Con i bambini, il gioco è il metodo di espressione finché non crescono e possono parlare più liberamente.

La psicoanalisi è vista al meglio come una scienza in evoluzione, con componenti sia di trattamento che di ricerca. La psicoanalisi cerca di comprendere il mondo psicologico interiore degli esseri umani: cosa fanno le persone (comportamenti) e perché fanno ciò che fanno (motivazioni). Il campo è stato avviato da Sigmund Freud tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900. La psicoanalisi si è evoluta e cambiata in modo significativo da allora, portando a una comprensione più sofisticata del mondo psicologico degli esseri umani e ad essere sempre più integrata con l'attuale neurobiologia. Figure importanti in questo processo includono Anna Freud, Melanie Klein, Sandor Ferenczi, Renè Spitz, Donald Winnicott, Heinz Kohut, Margaret Mahler, Silvan Tomkins e Daniel Stern.

Che cos'è la "psicoanalisi infantile"? L'analisi del bambino è una forma di trattamento e ricerca che utilizza il gioco dei bambini per aiutarli con i loro problemi. L'obiettivo è aiutare i bambini - ei loro genitori - a comprendere i loro sentimenti e comportamenti e rimettere in carreggiata il loro sviluppo. Man mano che il bambino cresce e si avvicina all'adolescenza, la terapia comporta meno giochi e più parole. Il lavoro con i genitori è una parte importante dell'analisi del bambino e dell'adolescente.

Praticamente tutta la "terapia della parola" deriva dalla psicoanalisi - ad esempio, psicoterapia individuale, terapia familiare, "consulenza", terapia cognitivo comportamentale (CBT), terapia di gruppo e così via. Inoltre, i progressi molto importanti nella comprensione dello sviluppo del neonato e del bambino sono emersi principalmente dallo studio psicoanalitico di bambini e adolescenti.

L'aspetto del trattamento della psicoanalisi propriamente detto tende a coinvolgere da tre a cinque sedute a settimana, con i pazienti spesso sdraiati sul divano mentre parlano. L'analisi del bambino, che può essere utile nei bambini di due o tre anni, coinvolge l'analista che gioca e parla con il bambino; man mano che il bambino cresce, la conversazione aumenta e il gioco tende a diminuire. Il termine "psicoterapia" di solito si riferisce alla terapia della parola che coinvolge una o due sessioni a settimana, con il paziente seduto.

Esistono molte organizzazioni psicoanalitiche in tutto il mondo, le principali sono l'International Psychoanalytical Association, l'Associazione per la psicoanalisi infantile e negli Stati Uniti l'American Psychoanalytic Association (apsa.org).

Gli obiettivi della psicoanalisi e della psicoterapia includono aiutare ad alleviare la sofferenza dei pazienti, aiutare le persone a rivendicare e riorganizzare le loro vite e riportare lo sviluppo sulla buona strada. Contrariamente all'opinione popolare, ci sono molte ricerche che documentano l'efficacia della psicoanalisi e della psicoterapia, e alcuni di questi studi e riassunti sono riportati di seguito.

Leichsenring F, Rabung S (2008). L'efficacia della psicoterapia psicodinamica a lungo termine: una meta-analisi. JAMA 300: 1551-1565.

Galatzer-Levy R et al. (2000). La psicoanalisi funziona? New Haven: Yale University Press. Terr L (2007). Momenti magici di cambiamento: come la psicoterapia trasforma i bambini. New York: WW Norton.

Roth A, Fongagy P (2005). Cosa funziona per chi? A Critical Review of Psychotherapy Research (seconda edizione). New York: Guilford.

LINK