RAPPORTO FINALE: VALORIZZAZIONE DELLA QUALITÀ COLLEGIALE DELLA FORMAZIONE (CQET) TASK FORCE
(TASK FORCE EX COLLEGIAL QUALITY ASSESSMENT (CQA))

Questo documento è per la decisione


RACCOMANDAZIONI
In pieno accordo con il Comitato per l'Educazione Psicoanalitica formuliamo il nostro obiettivo di stimolare il processo di autoapprendimento e auto-riflessione sull'educazione nelle società IPA. Per raggiungere questo obiettivo proponiamo le seguenti misure. Avranno la conseguenza di aumentare il profilo del Comitato per l'Educazione Psicoanalitica nella struttura istituzionale dell'IPA: 

1. DARE PIÙ SPAZIO ALLE QUESTIONI EDUCATIVE AI CONGRESSI IPA
Raccomandiamo che ci sia una presenza stabilita e significativa di questioni educative ai congressi IPA. A partire da Vancouver, il PEC dovrebbe avere un pannello permanente (non limitato a uno) nei Congressi Internazionali, in un momento della giornata e in una posizione all'interno del programma che inviterebbe la partecipazione. 
La PEC dovrebbe essere coinvolta nella pianificazione dei Congressi.

2. PRESENTARE UN SIMPOSIO IPA SULLA FORMAZIONE
Il cambiamento degli standard di formazione (decisione del Consiglio di variare il Modello Eitingon da 4/5 volte a settimana a 3/5) ha stimolato una nuova discussione a livello mondiale sui diversi modelli di formazione e modi per ottimizzare l'educazione psicoanalitica. In questa situazione un simposio IPA sulla formazione potrebbe essere molto utile o addirittura necessario. Questo simposio potrebbe essere correlato a questioni sottostanti di diverse prospettive e filosofie sull'educazione psicoanalitica così come sulla formazione di un'identità analitica. 
I dettagli di un simile simposio devono essere elaborati. PEC sarebbe l'organizzatore principale, ma potrebbe quindi aver bisogno di più persone o di uno speciale Comitato Organizzatore. C'è un ampio spettro di possibili argomenti. 
Il numero di partecipanti dovrebbe essere limitato. La questione se i candidati debbano essere ammessi rimane aperta. 
Il fine settimana prima dell'IPAC di Vancouver sembra essere una data adatta per un primo simposio. Il suo esito deciderà sulla questione se potrebbe diventare una conferenza permanente.

3. ASSEGNA UN SEDE PERMANENTE IN CONSIGLIO AL PRESIDENTE DEL COMITATO PER L'EDUCAZIONE PSICOANALITICA
Il simposio è inteso come un passo verso una maggiore rappresentazione della formazione / formazione nell'IPA. Proporre al presidente della PEC un seggio permanente in Consiglio (senza diritto di voto) è un altro passo in questa direzione. Darebbe maggiore autorità istituzionale al Comitato per l'Educazione Psicoanalitica.

4. ORGANIZZARE INCONTRI COLLEGIALI RECIPRODI TRA SOCIETÀ / ISTITUTI DIVERSI
La pianificazione e la strutturazione di incontri reciproci collegiali è stato un argomento centrale di discussione all'interno della Task Force e anche a Houston. Costituisce un obiettivo principale della nostra iniziativa per un'ulteriore autoriflessione degli istituti / società e quindi per migliorare la qualità dell'educazione psicoanalitica. Discutere questioni di formazione in un'atmosfera collegiale durante gli incontri di due o tre istituti crea uno spazio aperto per la riflessione sulla formazione e l'apprendimento reciproco. L'auto-riflessione all'interno dei centri di formazione è sempre aiutata da "un altro paio di occhi". In questo scambio reciproco di idee ed esperienze, non solo i problemi diventano più visibili e possono di conseguenza essere elaborati, i punti di forza e le soluzioni creative possono essere trasferiti gli uni agli altri e quindi migliorare l'apprendimento reciproco attraverso l'esperienza. 

Le istituzioni e le conferenze esistenti possono essere utilizzate per organizzare questi incontri. Gli istituti / le società dovrebbero essere incoraggiati a cercare altre idee da incontrare. Per il futuro si potrebbe immaginare una cultura dei processi di scambio tra società diverse senza limitazioni regionali. Questa apertura mondiale allo scambio potrebbe attrarre in particolare potenziali candidati dotati e creativi.
 
Per quanto riguarda gli argomenti che potrebbero essere più pertinenti per questi incontri, un elenco pre-formulato limiterebbe il loro potenziale creativo. Tuttavia, discutere questioni relative alla pratica dell'addestramento sembra essere della massima importanza. I problemi alla base di diverse teorie, filosofie e storie di società diventano visibili nella pratica quotidiana della formazione. Le presentazioni reciproche del lavoro di supervisione dovrebbero essere una pietra angolare delle riunioni. Altri aspetti possono essere aggiunti. Il seguente elenco potrebbe essere utile:

a. Quali sono i fattori che prendi in considerazione per modificare i tuoi curricula? Quando lo fai, di chi è la funzione? Chi prende parte alle modifiche?
b. Sarebbe interessante sapere come ciascuno di noi affronta le supervisioni, poiché esistono diversi modi per valutare questi processi. I supervisori si incontrano come gruppo? Come informate i candidati sulle loro valutazioni?
c. Disponete di spazi in cui scambiate idee sulla formazione con altre società? Se è così, potresti spiegare come lo fai?
d. La collegialità nelle vostre società è oggetto di discussione? In caso affermativo, come se ne discute?
e. Qual è la logica alla base della valutazione? 

BACKGROUND
A. Introduzione

Nell'aprile 2018 il consiglio di amministrazione dell'IPA ha istituito il 
TASK FORCE SULLA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ COLLEGIALE (CQA) composto da membri rappresentanti i tre modelli formativi
con il mandato di sviluppare proposte per un sistema collegiale di valutazione della qualità (il nome per questo deve essere soggetto a raccomandazione da parte della Task Force), che dovrebbe fornire un mezzo per condividere le migliori pratiche tra le società anche a livello interregionale, che dovrebbe impegnarsi con tutti i modelli formativi, e che dovrebbero rassicurare il Consiglio (ed i Candidati) sugli standard di qualità raggiunti.

Nel novembre 2018 una relazione preliminare era stata presentata al consiglio di amministrazione dell'IPA. È stato discusso a fondo durante la riunione del consiglio di amministrazione a Lisbona nel gennaio 2019. Il consiglio ha autorizzato un'estensione del nostro mandato offrendo l'opportunità di incontrare di persona il comitato per l'educazione psicoanalitica (PEC). Questo incontro si è svolto a Houston alla fine di marzo 2019. La discussione è stata molto approfondita e fruttuosa. Si è rivelata più una discussione in un gruppo di analisti esperti della formazione che un incontro tra due gruppi diversi. Di conseguenza, le seguenti proposte sono in concordanza di base con tutti i partecipanti alla riunione di Houston.

B. Storia della task force e lavoro con il mandato
Il cambiamento degli standard di formazione (decisione del Consiglio di variare il Modello Eitingon da 4/5 volte a settimana a 3/5) ha creato alcune turbolenze nell'IPA. Alcuni membri europei erano preoccupati per questo cambiamento e riferiscono di sentirsi meno inclini a rimanere nell'IPA se sembra che non mantengano standard di formazione di alta qualità. Allo stesso tempo, la formazione psicoanalitica in tutto il mondo è in continuo mutamento. L'abolizione del BOPS nell'APsaA e la fondazione dell'Exchange Visit Program (EVP) possono essere visti come segni di questo sviluppo. I candidati di tutto il mondo riferiscono di difficoltà crescenti nel trovare pazienti per analisi con sessioni frequenti nella settimana. Ciò è dovuto in parte a fenomeni Zeitgeist, ma anche a un peggioramento della situazione economica in molti paesi. La decisione del Consiglio ha ravvivato le discussioni sulla frequenza delle sessioni con le quali dovrebbero essere condotte analisi di formazione e casi di formazione. Queste discussioni hanno il potenziale per stimolare considerazioni e dibattiti utili.

Nonostante le nostre diverse tradizioni psicoanalitiche, i membri della Task Force sono uniti nella convinzione che sia necessario e indispensabile avviare un'iniziativa per garantire e migliorare la qualità della formazione nell'IPA. Tale iniziativa comporta proposte che rispettino i diversi modelli di formazione, siano collegiali e non gerarchiche, e forniscano opportunità per migliorare i nostri standard di formazione. Questa iniziativa implicherebbe la discussione di varie resistenze esterne ed interne che potrebbero svilupparsi nel tempo e ostacolare la qualità. Essendo il mandato della Task Force quello di considerare i diversi modelli di formazione, era non solo importante ma anche necessario che il nostro gruppo rappresentasse l'intera gamma della diversità nell'IPA. I membri del gruppo rappresentano il modello Eitingon, il modello francese e il modello uruguaiano. Ci siamo istruiti non solo sulle differenze nei modelli ma, soprattutto, sulla logica alla base di ciascun modello.

Da questa discussione è emersa l'idea che lavorare collegialmente gli uni con gli altri sia un elemento centrale per superare le difficoltà diffuse nell'IPA. Il termine collegiale è diventato un argomento e un approccio centrale e unificante nella nostra discussione. Quindi, come gruppo siamo riusciti a parlarci collegialmente, anche se non siamo d'accordo su molte questioni.
Fin dall'inizio del nostro lavoro la polarità tra valutazione e miglioramento è stata una questione centrale nella nostra discussione. La valutazione può facilmente suggerire una valutazione. Di conseguenza, l'idea che un istituto o una società sia valutata da qualsiasi agenzia esterna ha incontrato un rifiuto generale. D'altra parte, il principio (edipico) della triangolazione può essere interpretato in modo da richiedere la necessità di un terzo per promuovere il cambiamento o modificare un sistema interno, comprese le organizzazioni educative. Indipendentemente dalla teoria, tutti concordano sul fatto che l'auto-riflessione all'interno dei centri di formazione è aiutata da "un altro paio di occhi". Pertanto, l'idea di una valutazione collegiale sotto l'ombrello degli incontri reciproci interpersonali è diventata il fulcro del nostro lavoro.
Nel processo di queste considerazioni abbiamo cercato di trovare un nuovo nome per la nostra iniziativa: Collegial Quality Enhancement of Training (CQET)

OSSERVAZIONI CONCLUSIVE
I membri della Task Force ritengono che le proposte di cui sopra possano essere messe in pratica senza grandi difficoltà. Il loro esito e le loro conseguenze possono essere monitorati e studiati e inoltre discussi apertamente nei congressi psicoanalitici internazionali e regionali, nonché nel previsto Simposio sulla formazione. I previsti incontri collegiali reciproci dovrebbero essere accompagnati da studi e ricerche. 

Il Comitato per l'Educazione Psicoanalitica potrebbe diventare una struttura di contenimento per questi processi. I reciproci incontri collegiali e la partecipazione al Simposio sulla Formazione sono formulati come misure volontarie. Società o Istituti che non prendono parte a queste iniziative potrebbero essere particolarmente invitate e sostenute a partecipare dal Comitato per l'Educazione Psicoanalitica. A questo proposito, il proposto Simposio sulla formazione potrebbe acquisire una funzione di contenimento come luogo di incontro mondiale per lo scambio su questioni di formazione. 

Leopoldo Bleger
Beatriz de León de Bernardi
Paolo Fonda

Eike Hinze (presidente)
Marsha Levy-Warren
Sergio Lewkowicz
Maureen Murphy

Clara Rosa Nemas

Jonathan Sklar
Alan Zucchero