Società psicoanalitica tedesca

www.dpg-psa.de

Chi siamo
La Società Psicoanalitica Tedesca (Deutsche Psychoanalytische Gesellschaft / DPG) è una delle due società che compongono l'IPA in Germania ed è anche membro della Federazione Europea delle Società Psicoanalitiche (EFP). Da molti anni cooperiamo bene con la DPV (Associazione Psicoanalitica Tedesca) in rapporti di fiducia e buoni a livello politico, scientifico e personale.

I membri del DPG lavorano in diverse aree professionali, per lo più comunque in uno studio privato, fornendo così cure psicoanalitiche e psicoterapeutiche all'interno dei servizi sanitari tedeschi per un vasto numero di pazienti, ampliando così anche l'ambito della psicoanalisi in cliniche ambulatoriali e ospedaliere e istituzioni psicosociali. Inoltre, esiste un gruppo piccolo ma significativo coinvolto nel mondo accademico, che conduce ricerche e garantisce l'istruzione superiore.

Ci sono tgruppi regionali goy del DPG diffuse in tutta la Germania, che tengono regolarmente riunioni scientifiche, discutono di questioni psicoanalitiche, assicurando così un vivace discorso psicoanalitico che abbracci la loro appartenenza.

La formazione psicoanalitica - basata sul modello Eitingon - è organizzata da quindici Istituti DPG seguendo le linee guida di formazione della nostra società. Molti di loro hanno anche un ramo per la formazione in psicoterapia psicodinamica.
 





Da dove veniamo
L'odierna Deutsche Psychoanalytische Gesellschaft (DPG) detiene lo stesso nome dell'originale German Psychoanalytical Society, che ha avuto origine dal Associazione psicoanalitica di Berlino fondata nel 1908 da Karl Abraham. Tuttavia non c'è stata continuità, ma piuttosto una rottura catastrofica nella nostra storia. Il periodo nazista e la terribile persecuzione dei nostri colleghi ebrei nell'ambito del genocidio del popolo ebraico portarono a un crollo fondamentale della psicoanalisi in Germania.

Anche se quegli psicoanalisti che hanno fondato il DPG dopo la seconda guerra mondiale (seconda guerra mondiale), avevano una prospettiva diversa su questo argomento. È oggi ovvio che questi colleghi erano ancora troppo coinvolti nell'era nazista e si identificavano con le distorsioni fondamentali del pensiero psicoanalitico di quel tempo. Ci sono voluti anni e il lavoro di generazioni di analisti per alleviare il peso della nostra eredità nazista per poter lavorare attraverso la vergogna e il senso di colpa, per entrare in contatto con la psicoanalisi internazionale in un modo nuovo e per rivendicare la psicoanalisi vera e propria come terreno comune per i membri DPG.

Nel 1949 la riammissione del DPG all'IPA fu rifiutata. Il DPV si è poi separato dal DPG nel 1950 ed è stato ammesso all'IPA già nel 1951. Solo alla fine degli anni '1980 è stato possibile un riavvicinamento tra il DPG e il DPV, supportato da diverse conferenze di gruppo basate sul modello Tavistock, in cui israeliani e Hanno partecipato colleghi tedeschi di entrambe le società tedesche. Ciò fu di cruciale importanza per l'elaborazione storica della partecipazione degli psicoanalisti durante il periodo nazista e per il superamento della successiva scissione della psicoanalisi in Germania durante l'era post-nazista. Al giorno d'oggi entrambe le società psicoanalitiche - DPG e DPV - condividono la responsabilità per la storia e lo sviluppo della psicoanalisi in Germania e sono impegnate per il suo futuro in stretta collaborazione tra loro.

Il processo descritto ha portato agli sforzi per rientrare nell'IPA e ad una riorganizzazione della formazione psicoanalitica del DPG secondo gli standard internazionali. Ciò è stato accompagnato da un intenso dibattito professionale e sviluppo all'interno dei membri del DPG, supportato con grande impegno da Annemarie Sandler, che, insieme a molti colleghi dell'IPA, ha lavorato individualmente e in gruppo per una profonda comprensione della psicoanalisi internazionale. Siamo estremamente grati ad Anne-Marie Sandler, Inga Villareal, Andre Haynal, John Kafka e Sverre Varvin in quanto membri internazionali dell'ex Comitato Direttivo Congiunto, che ha accompagnato e supervisionato lo sviluppo del DPG da parte dell'IPA. 
 
Anche se non può esserci "guarigione" della storia attraverso questo processo di riavvicinamento, il DPG ha di nuovo ottenuto l'accesso al discorso internazionale e alla comunità psicoanalitica che ha un grande valore per noi. Al Congresso IPA di Nizza nel 2001 la DPG è stata riconosciuta nel quadro di un accordo speciale come "Società provvisoria del Consiglio esecutivo dell'IPA" ea Chicago nel 2009 come società componente dell'IPA. 

Da un lato, il DPG è riuscito a evitare una scissione istituzionale nel suo percorso verso l'IPA. D'altra parte, dal 2001 il DPG è costituito da un gruppo di membri IPA e da un gruppo di membri non IPA. Il DPG è quindi costantemente confrontato al compito di bilanciare le tensioni interne che sorgono tra questi due tipi di appartenenza in modo sufficientemente buono e coerente con le esigenze di una società componente IPA. L'integrazione per il DPG in questo caso non è qualcosa che è stato raggiunto una volta, ma piuttosto un processo continuo in cui i membri più attivi sono coinvolti con tutto il cuore. 


Quali sono le nostre attività
I compiti primari del DPG sono formare psicoanalisti, promuovere la psicoanalisi come scienza e come un modo speciale di pensare con l'inconscio e facilitare le qualifiche psicoanalitiche dei nostri membri.

In seguito, organizziamo un incontro scientifico e sociale annuale per i nostri membri e ospiti in diverse regioni della Germania. I principali documenti del congresso, sono pubblicati in un opuscolo del congresso, disponibile per tutti i membri e colleghi interessati al di fuori di DPG. 

La formazione psicoanalitica nel DPG segue un modello a due binari. Tutti i candidati completano una formazione che porta all'adesione a DPG. I candidati che desiderano anche diventare membri IPA devono fare domanda per la formazione IPA e avere interviste con due analisti della formazione IPA. In caso di ammissione al percorso di formazione IPA, diventano candidati del Centro di formazione IPA che organizza, regola ed esamina la formazione IPA nel DPG sotto la propria responsabilità, in parte incorporata nella struttura della formazione DPG, che si svolge a livello regionale presso i 15 istituti DPG. 

Le principali differenze tra queste due tracce sono 
- la frequenza dell'analisi dell'allenamento e dei casi di trattamento supervisionato (quattro volte a settimana contro tre volte a settimana), 
- il fatto che il corso di formazione nel percorso IPA sia vincolato agli analisti di formazione IPA e 
- il requisito che i nostri candidati, per diventare membri IPA, debbano superare due esami, uno presso il loro istituto per l'adesione al DPG e solo successivamente uno presso il Centro di formazione IPA per l'adesione all'IPA. 

In base a ciò, i nostri membri devono anche superare due valutazioni per diventare Analisti della formazione IPA: prima una come Analista della formazione DPG, solo poi una come Analista della formazione IPA. A causa del difficile requisito di una doppia valutazione, principalmente i colleghi particolarmente motivati ​​sono interessati come candidati alla formazione IPA e anche come membri a diventare analisti della formazione IPA.


 

Conferenza annuale sul caso DPG presso la Casa della Federazione Psicoanalitica Europea a Bruxelles con 
Eva Schmidt-Gloor e Serge Frisch (precedentemente Anne-Marie Sandler Case Conference)


Oltre alle conferenze annuali, il DPG promuove la qualificazione psicoanalitica continua per l'appartenenza all'interno della struttura di sei gruppi di lavoro - lavorando ininterrottamente per molti anni su temi specifici, come: migrazione, questioni etiche, psicoanalisi nella società in generale, psicoanalisi e religione, trattamento analitico delle psicosi e conferenze di casi psicoanalitici.

In particolare, il gruppo di lavoro sulle conferenze di casi psicoanalitici ha avuto e ha un significato speciale per lo sviluppo della competenza analitica all'interno del DPG. Molti anni di conferenze su casi eccezionalmente arricchenti con Anne-Marie Sandler, Rosine Perelberg, Betty Joseph, Irma Brenman Pick, Edna O'Shaughnessy, Eva Schmid-Gloor, Donald Campbell, Serge Frisch, Michael Parsons, Richard Rusbridger e altri in Germania, Londra oppure Bruxelles ha avuto una profonda influenza sul lavoro psicoanalitico di molti dei nostri membri e ha plasmato la loro comprensione di cosa sia la psicoanalisi.

Di ulteriore particolare rilevanza, soprattutto per lo scambio di pari al di là della portata della propria società, sono le conferenze annuali congiunte sui casi con il DPV dal 2002 e le conferenze biennali con un forte focus sul materiale dei casi del Colloquio britannico-tedesco, organizzato dalle due società IPA britanniche e tedesche, l'ultima a Potsdam nel 2019 sul tema "Language in the Talking Cure - Connecting and Dividing".

In questo contesto va menzionata anche la Conferenza Biennale di Psicoanalisi Internazionale di lingua tedesca (DIPSAT), tenuta congiuntamente ogni due anni dalla Società Svizzera, dalle due Società tedesca e dalle due Società austriache. L'hosting dell'ultima conferenza in lingua tedesca nel 2018 sul tema "Il Super Io dell'analista - Formazioni ideali e sentimenti di colpa" a Berlino è stata un'esperienza estremamente gratificante per il DPG.

La promozione della ricerca è una preoccupazione particolare della nostra società. Questo compito rientra nell'ambito della Commissione Ricerca DPG, che organizza una "Summer School" annuale per giovani ricercatori e assegna borse di ricerca. Il DPG-Practice-Study, uno studio naturalistico a lungo termine che indaga l'efficacia e la sostenibilità delle psicoterapie psicodinamiche in Germania e al quale hanno partecipato membri di tutti i gruppi regionali e istituti di formazione del DPG, è finanziato dal DPG. 

Come attività di sensibilizzazione, il DPG collabora con le università per tenere un'accademia autunnale ogni anno. L'obiettivo è attirare l'attenzione del pubblico sulla psicoanalisi e attrarre gli studenti alla formazione psicoanalitica intravvendo gli psicoanalisti.

Grazie ad una generosa donazione nel 2005 è stata costituita la Fondazione DPG. Da allora, un numero limitato di candidati è sostenuto da borse di studio mensili sotto forma di prestiti senza interessi, che devono essere rimborsati solo dopo il completamento della formazione e vengono così nuovamente disponibile per nuovi candidati.


 
Gruppo di membri che hanno organizzato l'ultima conferenza annuale DPG 2019 a Francoforte a. M.

Sono due i premi assegnati dal DPG. Dal 2016 il Premio Memoriale Gaetano Benedetti è stato assegnato ogni anno per promuovere candidati promettenti, in particolare per quanto riguarda la capacità di produrre pubblicazioni e conferenze.

I Premio culturale Sigmund Freud viene assegnato ogni due anni da DPG e DPV a scienziati eccezionali che intraprendono e incorporano la psicoanalisi in modo critico-creativo nel proprio campo di pensiero scientifico, filosofico e culturale. 

Infine, va ricordato che molti membri sono impegnati nelle strutture e agenzie di politica sanitaria che regolano la pratica della psicoterapia in Germania.

Cosa porterà il futuro
Far parte del sistema sanitario tedesco ha finora fornito ai nostri istituti di formazione e ai nostri membri una situazione economica relativamente sicura e la possibilità di trattare analiticamente molti pazienti che altrimenti non potrebbero permettersi di essere trattati in questo modo. In passato questa situazione ha dato ai candidati una solida prospettiva per il loro futuro di psicoanalisti. 

Come risultato della riforma in corso dal 1999 dell'area statale della pratica e della formazione in psicoterapia e della crescente influenza delle compagnie di assicurazione, delle autorità statali e di altre associazioni di psicoterapia non analitica, la pressione e la messa in discussione della psicoanalisi sono aumentate .

In futuro, dovremo lottare più duramente affinché la psicoanalisi mantenga il suo status e la sua importanza nel campo psicoterapeutico come trattamento di scelta, come professione e per rimanere coinvolti negli istituti di formazione - e inoltre anche nel suo significato socio-culturale per una società sempre più minacciata dall'estremismo, dall'odio e dalla disintegrazione.