Praticare la psicoanalisi e la psicoterapia durante un periodo di crisi: coronavirus (COVID-19)  


Questo spazio è stato creato per supportare i nostri colleghi in Cina (e ora anche in altri paesi) durante il coronavirus. Qui troverai articoli e articoli interessanti per aiutarti a pensare a questa crisi. È aperto a tutti i nostri membri partecipare e contribuire con le loro osservazioni sulla vita e sul lavoro durante una crisi o un profondo periodo di instabilità. Non esitate a contattare Silvia Wajnbuch ([email protected]) con i tuoi contributi e / o partecipa alla discussione alla fine di questa pagina o al nostro gruppo di posta elettronica di listserv. Si prega di notare che non possiamo accettare materiale contenente contenuti clinici.

Stiamo anche organizzando una serie di webinar Covid-19 in inglese, francese e spagnolo. Clic qui per registrarsi ai nostri ultimi webinar.


Sessioni remote

Linee guida per i colleghi che conducono sessioni di terapia a distanza


aggiornato:

Video

Video dal Comitato per il clima dell'IPA e un resoconto approfondito di un membro che si sta riprendendo dal coronavirus e un membro che parla del transfert durante questo periodo. Troverai anche consigli per l'autoisolamento e l'ansia tra gli altri.


aggiornato:

Elenco di crisi sanitarie IPA

Tutti i nostri membri e candidati sono invitati a partecipare al gruppo di discussione e-mail di listserv. Uno spazio per scambiare esperienze, preoccupazioni e riflessioni e sostenersi a vicenda mentre affrontiamo questa emergenza sanitaria pubblica in corso. Iscriviti alla lista inviando un'e-mail vuota senza oggetto e senza contenuto all'interno del corpo principale dell'e-mail a: [email protected]

Documenti e articoli

Articoli, articoli sul tema del coronavirus scritti dai nostri membri


aggiornato:

Cartelle di lavoro

Guide per genitori, bambini e insegnanti


aggiornato:

Riviste
Articoli e ricerche su riviste mediche


aggiornato:

Webinar

Registrati e guarda la nostra serie Covid-19


aggiornato:

Auto-isolamento/ linee di assistenza

Linee telefoniche e consigli per lavorare e confinare a casa per lunghi periodi di tempo


aggiornato:

Iniziative della società IPA

Supporto della comunità istituito dalle società IPA per i propri membri e la comunità più ampia


aggiornato:

Commenti

Devi effettuare il login per lasciare un commento.

Pubblicato da:   Il dottor Igor Yurievitch Romanov
Inviato il:   2020-03-24 19:18 PM
Commenti:   [Il commento è stato eliminato dal moderatore]
Aggiornato da:   Dra. Valeria Nader
Aggiornato il:   2020-03-24 08:49 PM
Rispondi
Pubblicato da:   Il dottor Igor Yurievitch Romanov
Inviato il:   2020-03-24 19:19 PM
Commenti:   (Il messaggio originale è stato scritto in russo)

La psicoanalisi nell'era del Coronavirus: la nuova atopia "La psicoanalisi, in cui l'analista e l'analista non si trovano nello stesso ufficio, utilizzando un telefono, Skype o altri dispositivi o applicazioni simili, è atopica in senso greco: è" senza spazio "," senza posizione. O forse sarebbe più corretto dire che è un politopo - non ha un posto, ma ne ha diversi. ... [B] sull'attuale crisi sanitaria, l'analisi funziona davvero in questo modo. È una questione di controllo della realtà ". S. Giarone. L'epidemia mondiale e le misure di quarantena senza precedenti sfidano chiaramente le solite forme di pratica psicoanalitica e psicoterapica. È sempre più difficile, e spesso impossibile, organizzarlo in un ambiente tradizionale, preservando l'unità di luogo e tempo di un incontro psicoanalitico. Forme di lavoro remote - telefono, Skype, ecc. - diventare un luogo comune anche per quegli analisti che in passato li hanno resistiti ostinatamente. Queste tendenze non sono nuove, ma è probabile che la situazione attuale le stimoli. È probabile che queste forme di cure terapeutiche / analitiche diventino un luogo comune anche dopo che le attività di quarantena sono state completate. È difficile immaginare come gli analisti potrebbero in seguito negare le sessioni remote dei pazienti in caso di malattia, viaggio, congestione del traffico o pigrizia normale ... La diffusione di forme remote di terapia sta già cambiando il panorama della pratica - ad esempio, è abbastanza facile per i terapisti alle prime armi iniziare a praticare oggi attraverso siti Web speciali e abbastanza redditizio. Ma è così che l'essenza di questa pratica differisce da ciò che di solito consideriamo analitico? Molte domande su questo sono ancora aperte. Formulerò alcune di queste domande a colpo d'occhio. Quasi tutti gli analisti oggi condividono la convinzione che un'interpretazione riuscita o solo il commento di un terapeuta dovrebbero affrontare la situazione qui e ora. È abbastanza facile notare (anche se non facile da correggere) la tendenza a lasciare "ora", ma cosa fare quando due persone non sono in realtà "qui" - non nello stesso posto? Ricordo J. Il rapporto di Diatkin su questo argomento, in cui ha sottolineato l'importanza della comunanza dello spazio tra l'analista e l'analista - in modo che possano vedere le stesse cose, sentire la stessa temperatura, ecc. E quindi cogliere sottili differenze nella percezione di gli stessi fenomeni. Un'altra domanda che sorge qui è il significato del contatto non verbale e delle forme presimboliche di comunicazione. Sia l'analista che il paziente notano gesticolazioni e posture, sentono il respiro reciproco, intonazioni vocali (cfr. musicalità della sessione, secondo Greer, o componenti semiotiche (prosodiche) della comunicazione, secondo Kristava). Come osservato da Bion, la vera interpretazione deve penetrare nel regno del sentimento, del mito e della passione. Cosa si dovrebbe fare con i sentimenti? Cosa rimane della pienezza del contatto dal vivo con la voce nel telefono? Ricordo V. L'espressione di Shklovsky: "Vivo debolmente, come in un preservativo". Come notato da D. Anzier, la barriera di base, la limitazione della psicoanalisi è un divieto di toccare. In un processo analitico "sufficientemente buono", questa barriera diventa "contatto", ci permette di sviluppare lo stesso "spazio di transizione", lo spazio per la simbolizzazione o la trasformazione (come può essere chiamato a seconda delle preferenze teoriche), in cui il dolore primitivo l'esperienza può trovare espressioni ed essere trasformata. In che misura ciò è possibile in una situazione in cui viene rafforzato il "divieto di base" di toccare con mezzi elettronici? E che dire di un altro divieto che risale a Freud: con soddisfazione? Soprattutto se per quest'ultimo intendiamo non solo e non tanta soddisfazione per l'attrazione, ma soddisfazione per l'onnipotenza - sia paziente che terapeuta. Le mie osservazioni in quest'area sono tali che la tensione generata da questa forma di lavoro può aumentare il funzionamento psicotico di alcuni pazienti, mentre nei terapeuti porta ad alcuni approcci più cognitivi e spesso confortanti. Spero che queste domande stimolino la discussione. La realtà sta di nuovo imponendo il suo verdetto: sono necessarie forme remote di terapia. L'Associazione psicoanalitica internazionale li raccomanda, anche se indica limiti - per i pazienti con trauma precoce e alcuni altri questo metodo non è mostrato.

(Tradotto con www.DeepL.com/Translator)
Aggiornato da:   Dra. Valeria Nader
Aggiornato il:   2020-03-27 02:20 AM
Rispondi
Pubblicato da:   Dr. med. Il mio Cukurcesme Ozguroglu
Inviato il:   2021-06-18 21:43 PM
Commenti:   Ciao, grazie per la tua condivisione. Sono d'accordo con te... Secondo la mia esperienza clinica, lavorare online con alcuni pazienti che hanno avuto un'esperienza traumatica precoce è molto difficile. Hanno bisogno non solo della presa psichica, ma anche di una stanza di consultazione e di un lettino come rappresentazioni del corpo di un analista per la presa fisica.
Dr Mine Ozguroglu
Pubblicato da:   Lic. Monica Vorchheimer
Inviato il:   2020-03-21 17:26 PM
Commenti:   Di Hanni Mann Shalvi da Israele, contributo a COFAP
In Israele, c'è una risposta emotiva unica alla pandemia. Israele ha subito minacce alla sua esistenza, guerre e attacchi terroristici dal giorno della sua dichiarazione. Gli israeliani sono abituati a trovarsi in situazioni pericolose per la vita e sanno come affrontare queste situazioni. Hanno anche sperimentato la ricostruzione, la riabilitazione e con essa il ritorno alla vita di routine. In situazioni stressanti e pericolose per la vita, i legami familiari e comunitari diventano più forti. C'è un senso di mutua responsabilità, sostegno e tenuta reciproca. Un'atmosfera che aiuta la società israeliana a far fronte a questi periodi mantenendo una relativa forza mentale.
Allo stesso tempo, le situazioni di guerra sono caratterizzate dal fatto che esiste un nemico definito verso il quale si possono dirigere sentimenti di ansia da un lato e di odio dall'altro. Nella situazione attuale, Israele si trova sotto una minaccia esistenziale ma non si vede alcun nemico. Il senso di responsabilità reciproca esiste, ma non c'è nessuno che sottolinei la rabbia come il fulcro della minaccia. Il pericolo può essere da un membro della famiglia all'altro. Dai bambini ai loro genitori e nonni. Questi sentimenti possono trovare uno sbocco verso i membri della famiglia che improvvisamente si trovano imprigionati a casa. Inoltre, di fronte a un vero nemico, le operazioni di difesa possono essere fatte consentendo di sentirsi meno indifesi. Ma di fronte alla pandemia, la difesa è passiva, essendo chiusa a casa. Comportamento che può essere sperimentato come codardia nelle guerre di contesto e può aumentare l'ansia.
In Israele, ci sono molti bambini e adulti che hanno vissuto traumi. Come civili che sono stati esposti ad attacchi terroristici o soldati che hanno partecipato a guerre o operazioni militari. Questo è il caso del quarantenne Amir, che ha affermato che dallo scoppio della pandemia ha immaginato pile di corpi nelle strade. È in estrema ansia, incapace di far fronte. I genitori di Amir furono assassinati in un attacco terroristico. Il fatto che la malattia possa mettere in pericolo gli adulti ha sollevato ancora una volta il trauma dell'omicidio dei suoi genitori e questa volta con intensi sensi di colpa che non sono stati trattati. Sebbene il contenuto consapevole delle ansie contemporanee ruota attorno alle pandemie, l'elaborazione della colpa per l'omicidio dei suoi genitori e la sua difficoltà con la sua aggressività, sono stati al centro del lavoro emotivo attraverso e hanno alleviato un po 'di ansia.
Merav, quarantenne, si è trovata in questo periodo con gravi incubi in cui soffocava in spazi ristretti. Durante le sedute di terapia, ha ricordato di essere rimasta nella stanza sigillata quando aveva quattro anni e Israele era a rischio di attacchi di armi chimiche dall'Iraq. Agli israeliani fu chiesto di entrare in stanze sigillate e di mettere maschere antigas in faccia. L'attuale direttiva di rimanere nelle case e di non uscire, ha toccato quel ricordo traumatico con il suo bagaglio emotivo da ragazza, aumentando l'ansia attuale.
Rispondi
Pubblicato da:   Dott. Morris Stambler
Inviato il:   2020-03-19 12:09 PM
Commenti:   Gli analisti dei bambini dovrebbero dare un'occhiata allo zoom. Include una lavagna che ti consente di scarabocchiare interattivamente con i tuoi pazienti. Questa sarà la rinascita del gioco degli squiggle. Nati dalla scarsità di rifornimenti durante la seconda guerra mondiale, ora dobbiamo lottare con la nuova scarsità di presenza. Ho scoperto con i miei pazienti che questo ravviva le cose e estende la fascia d'età con cui posso lavorare virtualmente.
Rispondi
Pubblicato da:   Lic. Monica Vorchheimer
Inviato il:   2020-03-16 12:47 PM
Commenti:   Di Susana Muszkat, di Sao Pablo, membro del COFAP, il comitato di coppia e famiglia:
Mai prima d'ora, il principio di incertezza concettualizzato da Janine Puget è stato così esplicitamente vivo e autoesplicativo! La certezza dell'incerto.
Non ci sono precedenti, quindi non ci sono linee guida sicure su cui possiamo fare affidamento per sapere cosa si dovrebbe fare per garantire l'immunità per sé e per gli altri. Esistono, naturalmente, infinite informazioni, raccomandazioni o persino determinazioni ufficiali. Ma questi, più che essere luoghi di sicurezza, solidi motivi per resistere, sono piuttosto cibo per l'ansia e il panico. Intossicazione della mente e incapacità di pensare o simbolizzare.
Sappiamo, o almeno affermiamo spesso di sapere, che la vita è incerta e che la morte è certa. Ma tempi come questi, con novità inaspettate e senza precedenti come quelle che stiamo vivendo, ci colpiscono in modo tale da essere costretti a ripensare e riorganizzare tutti i nostri modi di condurre le nostre vite e, soprattutto, noi, come famiglia e gli analisti di coppia, che si concentrano e apprezzano stretti legami, devono vivere sotto e approvare distanze, isolamento, quando la vicinanza e l'intimità diventano un rischio, non metaforicamente o simbolicamente, ma molto concretamente. E dove, paradossalmente, il contatto virtuale sarà preferito, anche da noi, psicoanalisti, al contatto dal vivo che abbiamo sempre lottato per difendere e mantenere con i nostri pazienti e nelle nostre vite.
Rispondi
Pubblicato da:   Madame Nicineia Cecílio Costa
Inviato il:   2021-07-29 01:08 AM
Commenti:   Parabéns pela sua matéria ??
Rispondi
Pubblicato da:   Lic. Monica Vorchheimer
Inviato il:   2020-03-15 13:35 PM
Commenti:   Cari colleghi IPA,
Grazie per tutto questo materiale. Credo che se condividiamo idee, iniziative, preoccupazioni, materiali ed esperienze da tutto il mondo, impareremo gli uni dagli altri e arricchiremo la nostra comprensione permettendoci di affrontare queste terribili novità. Quarentine ci richiede di rimanere in contatto.
Rispondi
Pubblicato da:   Lic. Silvia Wajnbuch
Inviato il:   2020-03-15 00:10 AM
Commenti:   [Il commento è stato eliminato dal moderatore]
Aggiornato da:   Sig.ra Rhoda Bawdekar
Aggiornato il:   2020-03-17 03:36 PM
Rispondi
Pubblicato da:   Lic. Silvia Wajnbuch
Inviato il:   2020-03-15 00:09 AM
Commenti:   Abrazar el alma

Solos. Con il computer portatile. Con la compagnia di un gelatina di alcol in gel e un barbiere sopra la mesa. Aislados del resto. Con caricias y besos que contagian. Con una metro di distanza. Con saludos codo con codo.
Me debato entre la mesura y una alarma contenida. Come sottovalutare in entrata. Mientras tanto me pregunto qué pasó con nuestro mundo e qué aprenderemos de esta crisi. ¿Aprenderemos? La lección è brutale. Si no la escuchamos es porque estamos muy, pero muy sordos.
Emos gritado per il calentamiento globale, per i derechos de las mujeres, per il rispetto di una diversità, per i femicidios. Y las respuestas fueron tibias. Hemos tenido guerras absurdas (¿fieno alguna que no lo mare?), Atentados, inundaciones, temblores y terremotos, incendios de proporciones catastróficas. Y seguimos andando sin preguntarnos qué pasa.
Es que vamos a seguir sin escuchar?
Un virus invisibile nos obliga a cambiar la vida. Non c'è impeto tra i bracconieri e i desplazados di las balsas de refugiados. No. Viene in clandestinità per le dimostrazioni di cose simili. Que los millones no nos sirven para nada porque no hay respiradores preferenciales. Nos obliga a "guardarnos", a no consumir, a no viajar, a no ir a clase, a quedarnos quietos. Nos muestra que somos más pequeños de lo que creíamos. Una herida narcisista, un golpe a nuestra onnipotencia que nos pone contra las cuerdas.
Y si escuchamos?
Si tratta di semplici autoridades, dati importanti su ocultan datos, file di virus su un lato di Oriente per la guerra, una guerra batteriologica, un follower e un debug di esagerazione o no. Si tratta di especular con subir precos de lo que necesitamos for protegernos y de mentir para no hacer cuarentenas.
Aprendemos la lección seremos más fuertes, más sabios, más solidarios. Questo è il paradiso degli amori con le palme senza nessun podos tocarnos, con la sciabola è il vecino che è in linea con l'ego e con l'oblò, con le menzioni, i detriti della puerta, i seri doveri e le responsabilità di tutto il mondo. Serán tiempos difíciles. Y estaremos juntos. Como tantas veces. Dejemos de quejarnos por ser argentinos. Cuando hubo situaciones límite allí estuvimos: juntando remedios, ropa y zapatos, haciida comida en las plazas. Llorando in silencio. Estaremos juntos porque somos esa rara especie de personas que nos peleamos in the tiempos of bonanza y sacamos a relucir nuestro mejor costado en los tiempos de adversidad. Estoy segura de que estaremos a la altura. Lo stesso porque te conozco, nos conozco. Esta es nuestra batalla: la de the inmunidad solidaria. È un caso di hacer caso a los que saben, a dejar de cuestionar y de dar el ejemplo. Somos un equipo. Si lo enfrentamos juntos nada puede ser tan malo. Vamos a fabricar anticuerpos contro el miedo y la angustia. Y a abrazarnos el alma. Que todavía se puede y no contagia.
Patricia Faur. escritora
Rispondi
Pubblicato da:   Dra. Valeria Nader
Inviato il:   2020-03-03 22:19 PM
Commenti:   Carissimi:
Questo spazio è stato creato per consentire ai membri di scrivere e condividere commenti sulla vita e sul lavoro durante l'incertezza dell'evoluzione del coronavirus in tutto il mondo.
Siete invitati a lasciare commenti, domande e opinioni. Tutti i commenti saranno moderati e chiediamo a tutti i partecipanti di rispettare gli standard della nostra comunità. Nota che puoi scegliere di iscriverti per ricevere una notifica quando saranno stati pubblicati nuovi commenti.
Grazie,
Valeria Nader - Membro del comitato editoriale del sito web
Rispondi

Nuovo commento:

Allegato: 
  

Modifica commento:

Allegato:      Elimina
   

Iscriviti ai commenti sulla pagina:

E-mail:
Frequenza:
Iscriviti:
 
Vuoi iscriverti / annullare l'iscrizione ai commenti? Per favore clicca  qui