Cari colleghi,

Con l'avvicinarsi dell'ancora riferito al Congresso di Vancouver e dell'ultima newsletter dell'IPA in cui Virginia Ungar afferma che era il suo ultimo messaggio come Presidente prima del Congresso, mi sono trovata a riflettere sul significato di essere a capo dell'amministrazione dell'IPA in momenti come questi stiamo attraversando nel mezzo di una crisi senza precedenti. 

Penso che saremmo tutti d'accordo che questi ultimi due anni sono stati uno dei periodi più difficili e inaspettati che l'umanità abbia condiviso. Naturalmente sappiamo che ci sono tanti altri pericoli per la nostra vita sulla terra: cambiamenti climatici che influenzeranno la vita delle generazioni a venire, condizioni sociali sempre più diseguali e ingiuste subite dalla maggioranza delle persone. Anche se non neghiamo queste realtà, possiamo vivere, lavorare e goderci la vita senza doverne essere costantemente consapevoli. Questa pandemia, invece, ci ha reso tutti non solo molto consapevoli della nostra fragilità, ma ha imposto al nostro modo di vivere cambiamenti impensati. 

Sono andato a guardare la storia dell'IPA, cercando di vedere come la comunità psicoanalitica aveva risposto ad altri tempi di crisi. Ho trovato un articolo di A. Limentani, “Il movimento psicoanalitico negli anni della guerra” (1989). L'articolo consiste in una panoramica delle attività e degli sviluppi all'interno delle dodici Società componenti dell'Associazione Psicoanalitica Internazionale dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale alla sua fine nel 1945. L'autore descrive come la guerra avesse profondamente influenzato le attività delle società all'interno Europa, rispetto ad altre parti del mondo. Mentre alcune società in Europa erano state decimate dal regime nazista e dalla guerra, in altre parti del mondo, e persino in alcuni paesi europei, la psicoanalisi continuava ad essere molto viva e attiva. Tuttavia, vi furono conflitti all'interno delle società che portarono Limentani a dire che ci voleva più di una guerra mondiale per impedire agli psicoanalisti di litigare; per rendersene conto, lo aiutò ad avere uno sguardo più benevolo sui problemi delle società psicoanalitiche.

Subito dopo lo scoppio della pandemia, l'IPA presieduta da Virginia Ungar con Sergio Nick come vicepresidente e Henk Dalewijk come tesoriere ha risposto all'emergenza non solo immediatamente, ma anche mostrando la capacità di mantenere una visione equilibrata nel mezzo di una tempesta . Sono stati in grado di rispondere e anticipare i bisogni più urgenti dei membri nella crisi. Non elencherò tutti i programmi che hanno messo in atto perché non voglio perderne nessuno, ma la risposta è stata così che era come se si fossero preparati ad affrontare un'avversità di queste dimensioni. Ciascuno di noi sottolineerà l'una o l'altra attività o atteggiamento, ma tenere in contatto l'intera comunità psicoanalitica e permettere di continuare a sentirsi parte di una comunità era per me di enorme importanza.  

La pandemia ha creato smarrimento e paura, con il rischio di perdita di appartenenza e continuità, rendendo a volte più evidenti conflitti di lunga data, come è avvenuto in tutte le comunità. Questa Amministrazione ha saputo gestire questi sentimenti con grande saggezza, tenendo il volante e mantenendo il senso di appartenenza.

Ammiro la loro resistenza e il loro impegno e li ringrazio profondamente per il loro impegno, tempo e preoccupazione.

Con i miei migliori auguri,
Clara Nemas
Presidente di LA, Comitato del programma del Congresso 2021