Barbara Young, MD
Biografia in fotografie per il mio centesimo compleanno
—27 ottobre 2020


“L'unica persona con cui posso paragonarla è Beethoven. Invidio la sua capacità di trasformare l'angoscia in bellezza. " –Howard Spiro, Dipartimento di Scienze Umanistiche in Medicina dell'Università di Yale. 1977.

 

Quando avevo quattro anni, mi piaceva strisciare tra le grandi casse nel seminterrato che mio padre aveva costruito per trasportare due pesanti sedie di legno da New York al Midwest, dove vivevamo. Ma questo era prima che io nascessi! Era difficile per me concepire che la vita fosse esistita senza di me! - Feci una pausa nel mio gattonare - Poi la mia mente si voltò verso l'alto - Avevo saputo che un ragazzino era morto nella camera da letto della canonica di sopra. Tutti muoiono. Stavo per morire! Era difficile per me credere che la vita sarebbe andata avanti senza di me!  

Ma poi ho avuto un'immagine rassicurante. Una solida catena d'oro correva dal mondo che esisteva prima che io nascessi al mondo che sarebbe esistito dopo la mia morte; ed ero un anello della catena - e un anello molto speciale della catena!

Quella sensazione di essere speciali non è durata a lungo, perché quando ci siamo trasferiti dalla cittadina di Brimfield alla città di Galesburg, le ragazze d'élite in quarta elementare mi hanno convinto a rubare una matita e, volendo che mi accettassero, ho rubato quella di Margaret. matita, ma così facendo non ero più speciale ai miei occhi.   

Nel giugno 1951, ho iniziato il mio studio privato in un piccolo appartamento a The Latrobe, nel centro di Baltimora. Mi piaceva lavorare con i pazienti, ma le giornate erano lunghe e mi sentivo solo e mi sentivo sempre più depresso. Con l'incoraggiamento del mio medico, nel 1957 feci il mio primo viaggio in Europa, per partecipare agli Incontri Psicoanalitici Internazionali a Parigi, e rimasi per oltre un mese, visitando amici e godendomi due settimane di relax in un resort sul Mar Mediterraneo. Seduto su una roccia ricoperta di muschio, temevo la realtà di tornare a casa - Sono stato così felice qui. Non c'è un modo in cui posso sentirmi così a casa?

Quando la nave attraccò a New York, avevo già scritto due racconti. Avevo deciso di andare alle Bahamas per diverse settimane a febbraio e, almeno per un po ', di prendermi due mesi di assenza dal lavoro in estate. Una delle mie pazienti - un'artista lei stessa - mi ha detto molto più tardi: “Certo che ero arrabbiato quando sei stato via così a lungo; ma dove sarei se non lo avessi fatto? "

Queste due storie sono servite come punto di partenza per creare il mio dono ereditato. Presto cominciarono ad apparire fotografie con le mie parole. A quel tempo, la fotografia a colori non era ancora considerata un'arte. Il Metropolitan Museum of Art aveva un concorso e la mia fotografia Loch Lomond 1960 era accettato. L'ho portato a Herman Maril, un noto artista di Baltimora, per vedere cosa ne pensava. Coprì la spiaggia pietrosa sul lato destro dell'immagine e disse: "Ora hai un'astrazione". (Diverse copie di Loch Lomond 1960 divenne parte della collezione del Baltimore Museum, inclusa una costosa stampa a trasferimento di colore.)

Herman Maril aveva confermato che quello che stavo facendo era arte. Non ho gridato ai miei amici, "Evviva!" L'ho tenuto in silenzio per me. "Ho un segreto. Sto andando da qualche parte! "

Diversi anni dopo, Edward Steichen pagò cinque dollari per il mio Foglie d'oro 1959 essere nella collezione permanente del Museum of Modern Art di New York. Sapendo che ero uno psichiatra, Steichen mi ha scritto: "Foglie dorate dà la sensazione di ciò che potrebbe esserci dietro una mente turbata come espresso nelle turbolenze contorte della natura. " (Per me quei rami contorti sono quasi magici.)





Nel 1969, Beaumont Newhall all'International Museum of Photography di Rochester ha pagato sessanta dollari ciascuno Foglie d'oro 1959 che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Piantine di Jumbay 1963. (Queste cifre indicano quanto poco valore fosse attribuito alle fotografie a colori in quel momento.)

Nel 1963 ho visitato la Galleria degli Uffizi a Firenze, Italia. Dopo aver ammirato i famosi dipinti, sono uscito nella hall e ho scattato una foto che si è rivelata la fotografia più acclamata che abbia mai scattato.


"Le fotografie a colori di Barbara Young sono tra le più belle della mostra.… L'Approdo degli Uffizi è una stupenda veduta a volo d'uccello di una barca sull'acqua, lo scatto è una gloriosa combinazione di colori e disposizione pittorica. " –David Shirey, nel 25 dicembre 1977, edizione della sezione di Long Island del New York Times, commentando una mostra alla Port Washington Library.




Sono uscito dalla finestra con la mia macchina fotografica per immortalare quelle due barchette. I grandi dipinti che avevo appena visto avevano guidato le mie mani a posizionare le barche nell'angolo in basso a destra dell'immagine, lasciando tutto quello spazio vuoto?

Quando sono tornato a casa e ho visto la foto, c'era ancora la sponda opposta del fiume Arno. Con i Maestri che guidavano le mie mani, ho tagliato la banca. L'immagine è passata da sdraiata a stare in piedi! Quando Ned Rifkin del Baltimore Museum è venuto a vedere il mio lavoro, ha detto: “Forse non sapevi cosa stavi facendo, ma stavi facendo arte moderna. Hai appiattito il piano dell'immagine. " Senti! Arte Moderna! Ho scattato fotografie per settantuno anni, dal 1958 al 2019. Questa è l'unica fotografia che - essendosi sottoposta a questo grado di manipolazione - ha potuto trarne profitto.

Anni fa, una donna che ha visto una riproduzione di Atterraggio degli Uffizi lo fissò al frigorifero: "Se è abbastanza sensibile da scattare quella foto, forse potrebbe esserlo con me!" Dopo aver tenuto un discorso illustrato sullo stile di vita creativo alla Lucy Daniels Foundation a Cary, nel North Carolina, ho ricevuto una lettera da un giovane fotografo che era in analisi. Si rese conto che voleva essere quella piccola barca blu attraccata al sicuro in tutta quell'acqua. Voleva sentirsi ormeggiata al sicuro a qualcun altro. “Non sapevo se la barca più grande si sentiva come un genitore o un partner, volendo solo essere collegata nel mio istinto da qualche parte. È come una chiara conoscenza; l'immagine è la prova che arriverò in un posto sicuro; piuttosto la migliore sensazione che ho avuto da molto tempo ". Ora, nella primavera del 2020, un'enorme stampa - tre piedi e mezzo per quattro piedi - di Atterraggio degli Uffizi è appeso al muro davanti alla mia poltrona elevabile.




La stanza blu 1971. Questa è la mia fotografia più conosciuta. Il mio amico e vicino, il dottor Hugh Davis, stava convertendo tre case a schiera vicino all'Hopkins Hospital in una clinica per il controllo delle nascite. Mi ha chiamato: "Cancella i tuoi pazienti mattutini. Ho una foto per te. Entro domani se ne andrà. Mia moglie ti verrà a prendere. " 

Ho bilanciato il mio treppiede sul pavimento traballante in modo che la fila di stanze potesse essere a fuoco. Dal frammento di una finestra alla fine della fila si può vedere la Hopkins Medical School a due isolati di distanza.

Nel 1979 sono entrato The Blue Room in un concorso esclusivamente per donne artiste che la National Artists 'Alliance ha sponsorizzato alle Gallerie della New York University. The Blue Room ha vinto il primo premio. Penso fossero cinquecento dollari. 

Autoritratto 1969. Due anni prima The Blue Room, Il dottor Davis mi aveva chiesto di scattare una foto di una donna perplessa su quale metodo di controllo delle nascite usare. Sua moglie - che era stata una modella in Danimarca - era la nostra modella. Ho chiamato il mio fotografo fratello Arthur per le complicate istruzioni. Su un treppiede c'era una lampadina da quaranta watt sempre accesa. Anch'io devo aver avuto la fotocamera su un treppiede, con l'obiettivo aperto. Dietro la modella, mio ​​padre in visita teneva una pistola flash che faceva scattare dietro ogni profilo mentre lei muoveva la testa "perplessa". Quando mi sono rimasti pochi scatti, sono diventato il modello.



Ai ragazzini piace particolarmente questa foto. Perché? Non mi conoscono nemmeno! Sono curiosi di sapere come l'ho fatto? Il figlio di otto anni di una badante a Symphony Manor - una poetessa lei stessa - porta il mio libro in giro, aperto a Autoritratto 1969.

Quando sono entrato nella vita assistita a Symphony Manor al Ringraziamento 2017, ho dimenticato la mia macchina fotografica. Eppure ho continuato a vedere le immagini; Avevo bisogno dell'aiuto degli amici. Il mio scopo era scattare foto che rappresentassero le tante attività a disposizione dei residenti. Ora, quando vedo una scena finemente strutturata, chiamo la mia amica e badante Karissa. Tira fuori il cellulare dalla borsa e mi chiede come voglio inquadrare la foto. Oh, com'è diversa la vita oggi! Aspettavo settimane anche per vedere i negativi di quello che avevo scattato! Karissa può mostrarmi subito la foto. Quindi lo invia per e-mail a David Orbock, che lo ritaglia con precisione, lo digitalizza e stampa le immagini della dimensione desiderata.



Porta del paradiso 2019. La sessione di yoga è finita. Elaine siede rilassandosi. Noto la simmetria, le colonne che fungono da cancello per il corridoio scorcio che corre fino alla finestra bianca nella stanza dell'artigianato. Elaine, in posizione yoga, indossa una camicia bianca. Chiedo a Paul di sedersi sulla sedia per tenere in equilibrio Elaine e fare un triangolo con la finestra. Quando l'immagine è opaca e incorniciata, è il bagliore dorato delle pareti e il magnifico tappeto rosso che attira la mia attenzione. Se questo è il paradiso, sto arrivando.


Barbara Young, MD, Baltimora, Maryland, USA
[email protected]

 


"Dopo aver letto la biografia della dottoressa Barbara Young in foto, voglio congratularmi con lei non solo per il suo centesimo compleanno, ma anche per aver saputo coniugare insieme arte e psicoanalisi in modo ammirevole. Non c'è dubbio che, come dice lei nel suo testo, è una "chiave molto speciale nella catena" di psicoanalisti sensibili che sentono, come me, che nella nostra pratica siamo molto vicini all'arte ".

Virginia Ungar
Presidente IPA