Webinar IPA Serie Covid-19: Love in Times of Covid-19
 

 





Relatori: Florence Guignard (Svizzera), Janice Lieberman (USA) Lucrecia Zavaschi (Brasile)
Moderatore: Rogelio Sosnik


Continuando con la serie di webinar su COVID-19, presentiamo il prossimo webinar in inglese, sul tema "L'amore ai tempi di COVID-19". Sappiamo tutti che, in psicoanalisi, l'amore è un tema plurale e centrale, a cui non è possibile attribuire un solo significato: Freud ha formulato i concetti di Eros e Thanatos, di libido e distruttività, sempre interconnessi. Tuttavia, il concetto di amore è in continua evoluzione. Ogni volta proietta il suo tipo di amore: amore romantico, amore moderno e così via. 

Pertanto, vorremmo pensare alle nuove forme di amore, ai legami, nonché alle nuove organizzazioni familiari, e al modo in cui gli psicoanalisti hanno visto queste differenze. Inoltre, stiamo vivendo in tutto il mondo malattie devastanti, morte, lutto, isolamento sociale, collasso economico, ecc. A causa della pandemia. In tutto questo, esseri umani resilienti hanno continuato ad amare ea cercare l'amore. I tanti volti e significati dell'amore e le sue vicissitudini in questo periodo saranno affrontati da tre membri IPA di tre diverse regioni: Florence Guignard dalla Svizzera, Janice Lieberman dagli USA e Lucrecia Zavaschi dal Brasile. La discussione sarà moderata da Rogelio Sosnik dagli USA.

Rogelio Sosnik, MD
Analista di formazione e supervisione, Associazione psicoanalitica di Buenos Aires e Facoltà di formazione, supervisione e docenti, Società freudiana contemporanea, (USA). È anche membro dell'American Psychoanalytic Association e dell'IPA. È membro del consiglio dell'International Journal of Psychoanalysis. Ha pubblicato numerosi articoli negli Stati Uniti, in Argentina, in Uruguay e in Italia. È membro dell'IPA Committee on Emigration and Relocation, ed è in uno studio privato a New York City.






Firenze Guignard 
Florence Guignard, nata nel 1934, svizzera e francese, ex vicepresidente e analista della formazione dell'SPP, membro diretto della formazione dell'IPA per la psicoanalisi infantile e dell'adolescenza. Past Chair e attuale Consigliere dell'IPA COCAP. Ha fondato l'APE nel 1984 e il SEPEA nel 1994. Ha presieduto il team di l'Année Psychanalytique Internationale / IJP. Ha pubblicato più di 200 articoli psicoanalitici in riviste psicoanalitiche in francese, inglese, italiano, spagnolo, portoghese e turco e in libri collettivi in ​​francese, inglese e tedesco. Ha pubblicato 4 libri: “Au Vif de l'Infantile” 1996, “Épître à l'objet” 1997, entrambi tradotti in italiano, spagnolo, portoghese e turco. "Quelle Psychanalyse pour le XXIe siècle?" 2015, tradotto in inglese nel 2019: “Psychoanalytic concepts and Technique in Development. Psicoanalisi, neuroscienze e fisica. " “Au vif de l'Infantile aujourd'hui” 2020. 2 libri in uscita in autunno: “Le psychanalyste dans la cite” e “Autobiographie”. 


Janice S. Lieberman, Ph.D 
Analista e supervisore della formazione e membro di facoltà dell'Istituto per la formazione e la ricerca psicoanalitica (IPTAR) di New York. Ricopre il ruolo di Fellow at Large nel suo Consiglio di amministrazione. Ha servito per molti anni nell'Editorial Board del Journal of American Psychoanalytic Association. È membro del Comitato IPA sugli studi sulla diversità sessuale e di genere. Ha scritto tre libri: The Many Faces of Deceit: Omissions, Lies and Disguise in Psychotherapy (con Helen Gediman), Body Talk: Looking and Being Looked in Psychotherapy e Clinical Evolutions on the Superego, Body and Gender in Psychoanalysis. Le sue presentazioni e pubblicazioni si sono occupate delle relazioni, del genere e dei ruoli di genere, dell'inganno, dell'immagine corporea, nonché della psicoanalisi e dell'arte.




Maria Lucrécia Scherer Zavaschi 

Psicoanalista, psichiatra, con Master e Dottorato in Scienze Mediche presso l'Università Federale del Rio Grande do Sul, Brasile, membro e professore della Società Psicoanalitica di Porto Alegre, di cui è stata Direttrice dei Bambini e degli adolescenti (2008-2009 e 2014-2015) , Presidente (2016-2017) e Direttore dell'Istituto di Psicoanalisi (2018-2019).