Le menti dei bambini nella linea di fuoco Blog
MANIFESTO CONTRO LA GUERRA — Giochi proibiti (1952)
Ana Belchior Melícias

  




 

"L'opposto del gioco non è ciò che è serio, ma ciò che è reale".
(Freud, 1908) 

Prodotto poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, e straordinariamente vicino alla memoria del suo orrore e devastazione, Forbidden Games (1952) è un film ispirato al romanzo Les Jeux Inconnus (1947) di François Boyer, che "... dirige essere incredibilmente profondo ed emotivamente complesso, nonostante la sua apparente (e ingannevole) semplicità..."(4)
 
Qual è il significato di inconnus dopo tutto? La pulsione di morte nei giochi per adulti letali/legittimi che sovrappongono la morte alla vita? I giochi innocenti-segreti-proibiti dei bambini, che sfidano i limiti della legge sia della Chiesa che del Padre? 
 
Durante l'occupazione nazista, un convoglio di civili in esodo da Parigi verso la campagna viene bombardato su un ponte. Cercando di salvare il suo cucciolo, Paulette (Brigitte Fossey) di cinque anni assiste alla morte dei suoi genitori, assorbendo il senso di colpa del suo tentativo, vano, di salvare il suo cane. Tocca il muso irrigidito del suo cucciolo e poi di nuovo la sua stessa faccia. Orfana, inizia a vagare in uno stato di non realtà, tenendo tra le braccia il corpo di "Jock-her-dead-part". Tocca il viso della madre morta e poi il suo. 
 
È possibile piangere ciò che non può essere rappresentato? Cosa si può fare sia esternamente che internamente riguardo a traumi, morte e violenza? Riguardo al meccanismo della traumatogenesi, Ferenczi dice: "prima c'è la completa paralisi di tutta la spontaneità, poi di tutto il lavoro del pensiero, compreso il verificarsi di stati fisici simili a quelli dello shock, o addirittura del coma, e poi l'instaurarsi di un nuovo - dislocato - situazione di equilibrio».(3) Senza rappresentazione, il traumatico diventa «Sisifo», ritornando e ripetendosi incessantemente.
 
Freud metteva in guardia dall'insidiosa installazione della malinconia quando "l'ombra dell'oggetto cade sull'io"... L'alternativa, in termini intrasoggettivi, è il potere creativo e trasformativo del pensiero. Ma in termini intersoggettivi, ciò che veramente finisce per prevalere su molte generazioni, decenni e persino secoli, è la trasmissione transgenerazionale e l'inevitabile propagazione del trauma storico congelato, che diventa parte dell'identità collettiva del gruppo/nazione che ha subito una perdita catastrofica, l'impotenza , e l'umiliazione per mano del nemico (6). 
 
Il film di René Clément è un vero manifesto contro la guerra. Raffigura la "guerra" volgare ma simbolica tra i vicini Dollé e Gouard; le conseguenze traumatiche del terrore senza nome, specialmente nell'infanzia; l'impossibilità di compiere i riti di congedo cruciali per l'opera di lutto elaborativo; e la disumanizzazione e la violenza che portano all'esodo, alle famiglie distrutte, ai bambini orfani e a milioni di rifugiati in tutto il mondo. Il film è in sincronia con ciò a cui abbiamo assistito, con orrore e shock, nella recente invasione russa dell'Ucraina e nel ritorno della guerra in Europa.
 
Paulette, l'angelica orfana parigina, incontra Michel (Georges Poujouly) di dieci anni e viene accolta dalla sua famiglia rurale (Dollé). Michel sfida i limiti sia della Chiesa che del Padre, dedicandosi pienamente alla primaria preoccupazione materna di Paulette, questo piccolo e affascinante tesoro. Non risparmia sforzi per proteggerla dalla frustrazione o dal dolore. Un saggio ferencziano, Michel protegge Paulette, proteggendosi così dalla propria impotenza.
 
Per i due bambini, il gioco diventa il potenziale spazio intermedio (Winnicott) per riconnettersi alla vita. Paulette grida per i rituali necessari al processo di lutto, a cui non ha potuto partecipare dopo la morte dei suoi genitori. Questi sono debitamente adempiuti - preghiere, messa, funerali, sepoltura, fiori - con il fratello di Michel.
 
Uniti nella loro complicità e tenerezza, generano un mondo illusorio per far fronte alla tragedia e per rappresentare il traumatico, passando dal vissuto passivamente al giocato attivamente (fort-da). Perseguono instancabilmente il senso della morte attraverso la creazione di un'opera-cimitero, intrecciando estetica ed etica in un ultimo atto umanizzante, precluso dalla guerra. 'I morti non dovrebbero essere senza compagnia', dice Michel. Paulette chiede: 'Sono sepolti in modo che non si bagnino quando piove?'
 
Una serie di episodi proibiti, animati in egual misura dalla forza del segreto e dalla crudeltà e dal sadismo infantili, danno forma alla costruzione-elaborazione-trasformazione di un microcosmo: in un crescendo di complessità evolutiva (filogenesi), i bambini immaginano gli esseri viventi che avrebbero seppellito - vermi, serpenti, lucertole, gatti, cani, mucche, cavalli, persone - mentre continuano a seppellire piccoli animali. Rubano le croci, simbolo religioso per eccellenza, profanando il cimitero reale, e distribuiscono quattordici croci (stazioni della Passione di Cristo) in tutta la loro opera cimiteriale, a seconda della taglia degli animali sepolti, amplificando la morte collettiva della guerra. 
 
“Che Dio ti accolga in paradiso”, è la frase ripetuta ad ogni sepoltura, ritualizzando la speranza. I bambini personalizzano le tombe, passando dal minerale (pietre) a quello vegetale (fiori) al mondo animale (lumache) e infine al regno della parola-simbolo (croci e segni con scritte sopra i nomi), coreografando un vero rituale di addio. Il cimitero è finito ed è qui la mitica mela che segnala l'uscita dal paradiso dell'infanzia, offerta da Michel e rifiutata da Paulette...
 
 
Ogni crimine deve avere una punizione? La fine dell'innocenza, l'ambivalenza e l'inizio della realtà si impongono internamente, e l'omaggio per i giochi proibiti arriva attraverso il tradimento: "Paulette è costantemente strappata dalle sue figure di attaccamento, dai suoi punti di riferimento emotivi, che sono essenziali per la sua crescita. Viene strappata via dai suoi genitori, poi dal suo cane e infine dalla sua famiglia adottiva."(5) 
 
Il film si conclude bruscamente, mettendoci in contatto controtransferale con gli orrori della guerra e la sua distruttività transgenerazionale e traumatica. All'inizio del film una coppia muore sul ponte. Un altro si incontra alla fine del film alla stazione dei treni. Solo allora Paulette verbalizza la sua condizione di orfana, gridando: "Mamma!" Siamo profondamente scossi dal vero dolore della sua impotenza, augurando che Paulette - come tutti i bambini rifugiati nel mondo oggi - possa rimanere nella situazione infantile di protezione e sostegno che è così essenziale per i bambini. Come dice la poetessa Adília Lopes, "... non c'è consolazione per cose molto tristi, solo rivolta".
 
E gli inizi si collegano alla fine...
 
All'inizio Paulette grida: "Michel... Michel... Michel..., ho paura del buio". Alla fine, nella stazione dei treni e in viaggio verso l'orfanotrofio, nel buio causato da questo nuovo, brutale taglio, grida: 'Michel... Michel... Michel...', dandosi il suo cognome, Dollé . Lascia così l'anonimato, nominando la speranza di un futuro ricongiungimento e portando con sé un oggetto vivente da cercare.
 
Sta a noi psicoanalisti costruire il più difficile dei ponti, collegando la disperazione con la speranza attraverso la cultura e la civiltà, come ci dice Freud nella sua risposta ad Einstein (2):
 
         E quanto tempo dovremo aspettare prima che il resto dell'umanità diventi 
anche pacifisti? Non si può dire. Ma potrebbe non essere utopico sperarlo 
questi due fattori, l'atteggiamento culturale e il giustificato timore del 
conseguenze di una guerra futura, si traducano nel porre fine alla guerra 
guerra. Non possiamo indovinare da quali percorsi ciò avverrà. Ma una cosa si può dire: tutto ciò che favorisce la crescita della civiltà agisce allo stesso tempo contro la guerra
. (Freud, 1933, p. 215)
 

AUTORE
Ana Belchior Melícias
Psicoanalista della Società Psicoanalitica Portoghese (PPS) e IPA \ Analista di Bambini e Adolescenti \ Formatore dell'Istituto di Psicoanalisi \ Formatore del Metodo Bick di Osservazione Madre-Bambino

 
RIFERIMENTI
(1) Melícias, AB (2021). O enigma da morte — BRINCADEIRAS PROIBIDAS (1952), in: Blog Cinema & Psicanálise - 21.02.2021 - https://cinemapsicanalise.pt/2021/02/21/o-enigma-da-morte-brincadeiras-proibidas-1957/
(2) Freud, S. (1933). Perché la guerra?. L'edizione standard delle opere psicologiche complete di Sigmund Freud, volume XXII (1932-1936): Nuove conferenze introduttive sulla psicoanalisi e altre opere, 195-216.
(3) Ferenczi, S. (1992). Analizza le lacrime con gli adulti. In S. Ferenczi, Obras completas, Psicanálise 4 (pp. 69-83). San Paolo: Martins Fontes. (Trabalho original publicado em 1931), p. 79. 
(4) Blog - http://eusoucinemapt.blogspot.com/2014/10/jeux-interdits.html 
(5) Avis-Gallu - Opinião sobre o filme Jeux interdits (1952) - A cada um sua própria cruz por gallu - SensCritique 02/01/2021, 18 (35).
(6) Volkan, V. (2020). Psicologia dei grandi gruppi: razzismo, divisioni sociali, leader narcisisti e chi siamo ora, Oxfordshire: Phoenix.
 
 
SPECIFICHE TECNICHE
Titolo originale - Jeux Interdits \ Titolo inglese - Giochi proibiti \ Anno - 1952 
 
 
Torna a Children's Minds nel blog Line of Fire

 

Commenti

Devi effettuare il login per lasciare un commento.

Nuovo commento:

Allegato: 
  

Modifica commento:

Allegato:      Elimina
   

Iscriviti ai commenti sulla pagina:

E-mail:
Frequenza:
Iscriviti:
 
Vuoi iscriverti / annullare l'iscrizione ai commenti? Per favore clicca  qui