Il contenuto pubblicato in questa sezione e le opinioni espresse non rappresentano necessariamente le opinioni dell'IPA. Il commento è aperto a tutti i nostri membri, società e non membri. Si prega di prendere nota del nostro standard della comunità. Eventuali post che non aderiscono a questi standard verranno rimossi.

Dovrai accedere al sito web dell'IPA per pubblicare un commento. Se non disponi di login e password, vai al link "Accedi" per crearne uno. Se vuoi rispondere a un post, accedi, quindi fai clic sul collegamento del titolo del post.

Una lettera aperta sulla politica di Trump di separare i bambini immigrati dai loro genitori

Inviato Giugno 26, 2018 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

 

Tra le recenti notizie che circondano le politiche dell'amministrazione Trump verso la separazione dei genitori migranti e dei loro figli, il co-presidente per il Nord America del Comitato per la psicoanalisi di coppia e familiare dell'IPA, Richard Zeitner, condivide i suoi pensieri sugli impatti. 

L'IPA ha rilasciato una dichiarazione ufficiale che delinea la sua posizione su questo problema, che puoi leggere qui

 UNA LETTERA APERTA SULLA POLITICA DI TRUMP DI SEPARARE I BAMBINI IMMIGRATI DAI LORO GENITORI

Sebbene gli psicoanalisti di tutto il mondo applaudano l'ordine esecutivo del presidente Trump proprio ieri di porre fine alla separazione dei bambini dalle loro famiglie secondo la sua politica di "tolleranza zero", un'azione che aveva già separato circa 2,300 bambini dalle loro famiglie, non esiste un piano per il ricongiungimento di quei bambini con le loro famiglie e sembra finora che un apparente caos nella tenuta dei registri possa rendere estremamente difficile il processo di riconciliazione, ammesso che venga intrapreso.  

Questa serie di eventi is uno dei momenti più oscuri e vergognosi d'America nella storia, e forse il più eclatante dall'internamento dei giapponesi-americani nella seconda guerra mondiale. Queste azioni furono originariamente intraprese come giustificazione per il raggiungimento della sicurezza nazionale, e al servizio di mantenere le sue promesse di realizzare il controllo dell'immigrazione, il tutto mentre il procuratore generale Jeff Sessions utilizzava subdolamente le scritture bibliche per dare loro credito, è inimmaginabile in una nazione la cui morale fondazione è stata immortalata dai famosi versi della poetessa Emma Lazarus: “Dammi le tue masse stanche, povere, ammassate che desiderano respirare libere”, incise sulla nostra Statua della Libertà. Mentre il nostro porto di New York è stato un simbolo d'oro di libertà, il nostro confine meridionale è ora diventato un segno oscuro della disumanità dell'America. 

Per noi come psicoanalisti, professionisti della salute mentale che siamo orgogliosi della comprensione dell'impatto del trauma precoce e del danno che questi bambini subiranno senza dubbio come risultato diretto della separazione dai loro genitori o tutori, siamo sconvolti. Sappiamo che molti o tutti questi bambini subiranno gravi interruzioni del loro sviluppo, introducendo una vulnerabilità fisica e mentale costituzionale per tutta la vita.

Ci sono decenni di ricerca sugli effetti residui nei bambini che subiscono la separazione e la perdita precoce dei genitori e sugli effetti sistemici negativi del conseguente aumento prolungato degli ormoni dello stress sul corpo umano. Non possiamo aspettarci che il laico medio sia informato su queste complessità del funzionamento umano. Eppure, ciò che condividiamo con i nostri simili, uomini e donne, un senso di tristezza e di crepacuore per ciò che è accaduto a questi bambini e famiglie, il senso di orrore che sfida il buon senso per qualcosa di così tremendamente sbagliato e immorale, tutti questi sentimenti attestano la verità della ricerca scientifica sull'orrore che si sta svolgendo in un paese istruito e fondamentalmente buono che è stato un faro di progressività sin dal suo inizio.

Come psicoanalisti, ora parliamo di questa farsa e contro la corruzione di apparati politici e attori senza cuore che non riescono a comprendere il tragico impatto umano di questa terribile politica.

 

Richard Zeitner, PhD
Co-presidente per il Nord America, 
Per il Comitato IPA sulla psicoanalisi di coppia e familiare

Risposte 0

Fondamenti di psicoanalisi oggi

Inviato 22 Marzo 2018 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Viviamo in un'atmosfera di enorme sviluppo sociale e scientifico, che ci chiede di ripensare alcune delle nostre proposte teoriche, la nostra pratica, convinzioni e ideologie. Nelle nostre comunità psicoanalitiche, è più cruciale che mai creare legami che possano unirci per condividere i nostri principi e obiettivi psicoanalitici per noi stessi e per i nostri pazienti. Qui, ti incoraggiamo a creare collegamenti con altri membri ea condividere la tua conoscenza ed esperienza delle questioni importanti sollevate durante il webinar.

Se ti sei perso la trasmissione in diretta del webinar, puoi guardare una registrazione dell'intera sessione di cliccando qui (dovrai accedere come membro al sito web).

Sebbene l'IPA sia prevalentemente un'organizzazione scientifica, che incoraggia il dibattito libero e aperto tra i suoi membri, è anche un'organizzazione umanista che è fortemente contraria alla discriminazione in tutte le sue forme. Durante un webinar facilitato dall'IPA domenica 18th Nel marzo 2018, durante la discussione sono state sollevate diverse importanti questioni relative al genere e all'orientamento sessuale.

Il dibattito scientifico è vitale per il progresso del nostro campo, ma deve essere condotto senza preconcetti, percezioni, percezioni errate e pregiudizi. Deve anche riconoscere e tenere in considerazione la diversità e l'inclusività, riconoscendo che le convinzioni non sono necessariamente fatti. La psicoanalisi, per sua stessa natura, è controversa; cerchiamo di comprendere le complessità e le complessità della psiche umana e, spesso, avremo bisogno di discutere questioni difficili e delicate.

A tal fine, il Comitato per gli studi sulla diversità sessuale e di genere dell'IPA cerca di capire ciò che sappiamo e ciò in cui crediamo, sulle origini, lo sviluppo e l'espressione della sessualità, del genere e della scelta dell'oggetto sessuale, sia nello sviluppo umano che nella situazione clinica. Il comitato ha il pieno sostegno della nostra amministrazione per creare un luogo all'interno della psicoanalisi organizzata in cui le molte domande e complessità che circondano la diversità sessuale e di genere possano essere studiate e considerate.

La nostra amministrazione si impegna a garantire che l'IPA rimanga un forum per lo scambio scientifico, ma con una politica di uguaglianza su tutti i motivi, inclusi età, disabilità, sesso o cambio di genere, matrimonio e unione civile, razza, religione o credo e sesso orientamento.

Accogliamo con favore l'opportunità offerta dai webinar per incoraggiare i membri a impegnarsi apertamente nel dibattito. Vogliamo promuovere una cultura in cui possiamo parlare liberamente di questioni - anche se difficili - e incoraggiare uno scambio forte, ma in modo rispettoso e costruttivo, che porti a una nuova e migliore comprensione. Un dialogo rispettoso e ricco è essenziale per il progresso continuo sia della psicoanalisi che dell'IPA.

Virginia Ungar, Presidente
Sergio Nick, Vicepresidente
Andrew BrookTesoriere 

 

Ultima risposta in data 5 aprile 2018 by Sig. Matthew Grimley, sig
1 Rispondi
Inviato Gennaio 8, 2018 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

A tre o non a tre: Non è questo il problema
Scritto da: 
David Jachim

  

Recentemente è stata riesumata una controversa reliquia della formazione psicoanalitica riguardante l'adeguata (o richiesta) frequenza delle sessioni analitiche, culminando nell'Associazione Psicoanalitica Internazionale (IPA) che ha apportato un cambiamento politico nella sua raccomandazione alle società componenti. Questo cambiamento conferisce a ciascuna società la prerogativa individuale di stabilire un minimo di tre sessioni e un massimo di cinque sessioni a settimana per la formazione psicoanalitica. Questo cambiamento (non il primo del suo genere nella storia della psicoanalisi) ha alimentato le tensioni tra i vari settori della comunità psicoanalitica internazionale e il vapore che questo movimento ha creato non è ancora esaurito.

 

Per comprendere la tenacia di questa continua cottura a vapore è necessario considerare diversi fattori. Per prima cosa iniziamo con Freud che non ha mai approvato un mandato di quattro o cinque sessioni, ma si è reso conto che tre sessioni andavano perfettamente bene per molte persone. Era solo per i pazienti più disturbati che sentiva che era necessaria una frequenza più alta. Per vari motivi storici (es. Modelli americani vs. modelli europei) che esulano dallo scopo di questo saggio il pensiero flessibile di Freud a questo proposito è andato perduto e si è concretizzata una frequenza più alta, creando un fossato analitico che, per alcuni, non poteva essere attraversato.

 

In secondo luogo, la difesa della filosofia delle alte frequenze è stata supportata da alcune legittime preoccupazioni cliniche riguardanti il ​​potenziale rafforzamento delle difese (es. "Monday Crust", "thread loss") che può verificarsi tra sessioni molto distanziate e poco frequenti. Altri, come Kernberg (2001), hanno persino avvertito di una "pendenza scivolosa" della frequenza tradizionale decrescente ("Se tre, perché non due o uno?"). Inoltre, c'è forse la paura meno spesso citata e meno consapevole per alcuni analisti riguardo alla perdita economica in uno scenario di frequenza ridotta. LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO.

Ultima risposta in data 1 Maggio 2018 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
Risposte 4
Inviato Gennaio 8, 2018 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
Peter Wolson, sull'Huffington Post, scrive:

Gli americani sono quotidianamente scioccati dal comportamento infantile e narcisistico del presidente Trump: la sua ipersensibilità alle critiche e gli insulti impulsivi e di ritorsione, come nei confronti dei giornalisti della MSNBC "Morning Joe" Scarborough e Mika Brzezinski, la sua flagrante menzogna e la grandiosa arroganza con cui eleva la sua ego al di sopra del rispetto per la responsabilità e l'integrità della presidenza americana. La sua disattenzione politica, scarsa capacità di giudizio e minacciosa fiducia in se stessi hanno portato a due comitati del Congresso e a un consulente speciale nominato dall'FBI che indagano su di lui e sulla sua campagna per la collusione con il governo russo e l'ostruzione della giustizia, che gli esperti paragonano allo scandalo Watergate di Nixon. Invece di "rendere di nuovo grande l'America", l'America di Trump sta rapidamente perdendo la sua leadership negli affari internazionali. Il tamburo per l'impeachment aumenta di volume. Leggi l'articolo completo
Peter Wolson, collaboratore
Risposte 0
Inviato 17 Marzo 2017 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Il dottor Gohar Homayounpour è uno psicoanalista e autore che appartiene alle Associazioni psicoanalitiche internazionali e americane. Vive e lavora a Teheran.

Come psicoanalista iraniano-canadese che oscilla tra rabbia e tristezza dall'inizio dell'amministrazione Trump, è così seducente per me essere coinvolto emotivamente, specialmente dopo il divieto musulmano. Questa tentazione nasce quando gli iraniani vengono separati dai loro figli, o quando un amico mi dice: “Ho appena ottenuto il visto approvato per portare mia figlia di tredici anni a New York per il trattamento del cancro. Sai, è così che sono fatti i terroristi ”, o con i pensieri delle speranze infrante dei profughi espropriati e di tanti altri colpiti dalle nuove politiche di Trump.

Ma devo tentare di mantenere il mio atteggiamento analitico, per quanto futile possa essere questo tentativo.

Nel momento in cui torno alla mia mente analitica, beh, è ​​qui che penso che le cose si facciano interessanti. Queste sono le mie associazioni:

Trump non è stato eletto democraticamente? Non hanno votato per lui milioni di persone negli Stati Uniti? Non ha detto esattamente quali erano i suoi piani per l'America? Non ha detto specificamente che avrebbe un divieto per i musulmani, politiche anti-immigrazione e per i rifugiati? Non ha detto che costruirà un muro? La gente continuava a dire che era solo retorica elettorale.

Questo non ricorda Hitler? Per l'amor di Dio, scrisse un libro dicendo esattamente cosa avrebbe fatto, discutendo in dettaglio la sua visione del mondo. La gente ha ancora votato per lui in gran numero.

Leggi tutto l'articolo

trump.jpg
Risposte 0
Inviato 17 Marzo 2017 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Pezzo del bollettino del comitato etico: Riservatezza e segnalazione dei casi
Per il Comitato Etico IPA
di Howard B. Levine, MD

L'etica professionale è un principio fondamentale della pratica clinica e, secondo il filosofo Lévinas, di tutte le relazioni umane (Chetrit-Vatine 2014). In questa breve comunicazione, ci concentreremo sulla riservatezza del paziente e sulla segnalazione dei casi, un argomento che è stato recentemente discusso sia nel Comitato Etico che nel Consiglio dell'IPA.

 

Nel secondo saggio sulla tecnica di Freud (1913), "On Beginning the Treatment", dove descriveva la regola fondamentale della psicoanalisi: dire tutto ciò che viene in mente senza eccezioni (pp. 134-137) -, ha chiarito che nulla doveva essere esente dalla divulgazione nel processo di libera associazione, osservando che:

 

            “È davvero notevole come l'intero compito [dell'analisi] diventi impossibile se una riserva [di esprimere i propri pensieri liberamente e completamente] è consentita in un singolo luogo. Ma dobbiamo solo riflettere su cosa accadrebbe se il diritto di asilo esistesse in un punto qualsiasi di una città; quanto tempo sarebbe passato prima che tutta la marmaglia della città si fosse raccolta lì? Una volta ho trattato un alto funzionario che era vincolato dal suo giuramento a non comunicare certe cose perché erano segreti di stato, e l'analisi è andata in rovina come conseguenza di questa restrizione. Il trattamento psicoanalitico non deve tener conto di alcuna considerazione [che permetterebbe di eludere la regola di base], perché la nevrosi e le sue resistenze sono esse stesse prive di tale considerazione ". (pagg. 135-136).

 

Sebbene non dichiarato in questo saggio, senza dubbio Freud, che era un medico e che aveva prestato il giuramento di Ippocrate, presumeva che l'analista avesse un obbligo reciproco. Se al paziente era richiesto di raccontare tutto senza riguardo per le convenzioni sociali o il comfort personale, allora l'analista, come il prete nel confessionale, era obbligato a tenere tutto ciò che veniva detto o accaduto nell'intimità dello studio con la massima riservatezza.

 

Senza questa salvaguardia della tutela della privacy assoluta delle rivelazioni del paziente, il trattamento psicoanalitico diventa impossibile. Questo principio è stato confermato dalla Corte Federale degli Stati Uniti in un famoso caso (Jaffe vs. Redmond), in cui un agente di polizia ha sparato e ucciso un uomo che stava commettendo una rapina a mano armata. Sebbene sia stato riscontrato che l'agente di polizia operava secondo i principi stabiliti e accettati che prevedevano l'uso della forza da parte delle forze dell'ordine, è stato comunque citato in giudizio dalla famiglia del rapinatore deceduto per violazione dei diritti civili.

 

Leggi tutto l'articolo

Ultima risposta in data 18 aprile 2017 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
1 Rispondi
Inviato 17 Marzo 2017 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Manifesto en el Día de la mujer 

Alicia Beatriz Iacuzzi: Las violencias hacia las mujeres como cuestión de Salud Mental comunitaria

 

No es difícil imaginar cual es el por-venir de una culture 'tomada' por las violencias. Los des-bordes humanos en el siglo XXI son de presentación cotidianaLas relaciones vinculares son llevadas cada vez más a los estrados judes en búsqueda de respuestas a una conflittividad creciente. Las tensiones en lo individual traen resonancias en lo colectivo, haciéndose necesaria la problematización del desarrollo de los excesos de estas expresiones. Cuando una comunidad está afectada por tal desmesura de violencias la sociedad toda se tras-torna. 

Le violenze (físicas, psicológicas, económicas, sexes, ecc.) hacia las mujeres hoy es un enorme problema in nuestra sociedad. La tensione tra i sessi e la diversità dei geni viene en escalada. El atractivo del poder lleva a no poder sustraerse a la dominación de uno sobre otro a costa de agresión o muerte si es necesario, a los destructivos entrampes Sometedor-Sometido, Amo-Esclavo. 

Dentro de la maraña de rencillas del 'versus', se habla de las violencias feminicidas e sus excesos: los Femicidios. Las modalidades brutales en la resolución de conflittos colapsa el sistema de 'custodia'. Las violencias hacia las mujeres requiere básicamente atender los Derechos Humanos al portar ribetes letales.    

Las violencias feminicidas abarcan un continuum en el que algunas consumaciones (activas o pasivas) son la antesala anunciada de las que prosiguen. Cobijan y encierran en sus intersticios un memorándum de opresión patriarcal. Attualmente tienen trascendencia jurídica por habérselas incorporado al Código Penal Argentino. El Femicidio es el asesinato de la mujer. El Femicidio è la judización de la muerte con nombre de mujer. 

Leggi tutto l'articolo

Risposte 0

Archivia post

Inviato Febbraio 22, 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Cari colleghi: 
Il 23 dicembre 2015, il Consiglio di amministrazione del mio istituto, l'Istituto per la formazione e la ricerca psicoanalitica (IPTAR) di New York City ha emesso quanto segue Dichiarazione di posizione su xenofobia e islamofobia. Ciò ha fatto seguito a una dichiarazione di posizione in qualche modo simile sul reinsediamento dei rifugiati siriani rilasciata dal Associazione Psicoanalitica Americana il 2 dicembre 2015. La nostra dichiarazione è inquadrata clinicamente. Il nostro Consiglio ha ritenuto importante in questi tempi pericolosi che gli psicoanalisti negli Stati Uniti fossero in prima linea in circostanze opposte che portano a xenofobia, islamofobia, razzismo e pregiudizi. Gli psicoanalisti di altre parti del mondo, date le storie dei media che provengono dagli Stati Uniti, potrebbero non avere familiarità con la misura in cui gli psicoanalisti di questo paese esprimono le loro opinioni.   
1 Rispondi
Apprezzamento
Inviato 3 Marzo 2016 by Sig.ra Kimberly Scholefield Kleinman
Apprezzo la dichiarazione del consiglio di amministrazione dell'IPTAR che descrive le dinamiche della xenofobia. Promuovere la comprensione dei meccanismi psicologici che determinano ciò che il pubblico definisce pregiudizio e come le reazioni di "alterità" siano esacerbate dallo stress è un approccio fondamentale per diminuire i suoi effetti dannosi. Grazie!
Kim Kleinman
membro della Contemporary Freudian Society
Inviato Luglio 19, 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

A nome della British Psychoanalytic Association (BPA) approvo fermamente la recente dichiarazione del Presidente della British Psychoanalytical Society riguardo al voto referendario per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.
Il risultato ha portato a conseguenze gravemente destabilizzanti nel Regno Unito, in Europa e nel resto del mondo e le sue implicazioni non sono ancora chiare. L'atmosfera anti-immigrazione che si è sviluppata e la recente ondata di attacchi razzisti nel Regno Unito sono da deplorare.
La psicoanalisi è un'impresa internazionale e il background dei membri e dei candidati del BPA riflette questo.
Il voto referendario non ci porterà a voltare le spalle ai nostri colleghi internazionali. La BPA continuerà ad essere una società dall'aspetto esteriore che attribuisce un grande valore alla sua appartenenza e partecipazione all'EPF e all'IPA e che accoglie membri e candidati da tutto il mondo.
Filippo Roys
Presidente
Associazione psicoanalitica britannica

Risposte 0
Inviato Luglio 19, 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar

Parlo a nome dell'Esecutivo e del Consiglio della British Psychoanalytical Society a seguito del risultato del voto referendario per l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, che ha inviato onde d'urto in tutta Europa e in effetti a livello internazionale. La psicoanalisi è nata in Europa e nutrita sin dall'inizio da colleghi di molte nazionalità, inizialmente in Europa e nel Regno Unito e subito dopo negli Stati Uniti ea livello internazionale. Questa crescita è stata similmente supportata a livello internazionale in discipline adiacenti simpatizzanti per le idee psicoanalitiche.

Fin dai primi giorni la psicoanalisi nel Regno Unito ha fatto affidamento sulla creatività e sul sostegno di colleghi europei e di altri. I nostri membri e candidati fin dall'inizio provengono da un pool internazionale e i pazienti che frequentano la London Clinic of Psychoanalysis provengono da molti paesi. Allo stesso modo, il nostro piccolo team di personale ha un profilo internazionale. 

Qui nel Regno Unito apprezziamo e abbiamo bisogno di questi collegamenti come ponti in un mondo travagliato e continueremo ad accogliere e offrire supporto a potenziali membri, candidati e personale in base al talento e indipendentemente dal paese di origine. Facciamo parte della Federazione Psicoanalitica Europea e dell'Associazione Psicoanalitica Internazionale e intendiamo continuare a lavorare con entrambe.

Per quanto ne sappiamo la situazione attuale, l'immigrazione e lo status dei visti per coloro che studiano, lavorano e ricevono cure qui rimarranno invariati e probabilmente sarà così per un po 'di tempo. Ovviamente continueremo a monitorare la situazione e daremo consigli a tutti di conseguenza.

 

Presidente
Società Psicoanalitica Britannica

Ultima risposta in data Luglio 21, 2016 by Marius Müller
1 Rispondi
Inviato Giugno 29, 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
Come possiamo spiegare il virulento odio verso Hillary Clinton da parte di uomini e donne di entrambi i partiti politici? Gli attacchi contro di lei: Bengasi, e-mail personali, menzogne, ecc. Sono relativamente minori, il solito imbroglio politico, in contrasto con l'estrema intensità della sua diffamazione. Così tante persone dicono che semplicemente non gli piace e questa impressione negativa non è nuova. Dal suo ruolo di First Lady nella Casa Bianca di Bill Clinton, è stata interpretata come una strega, una Lady Macbeth, una donna spietatamente ambiziosa ed egocentrica che si considera al di sopra della legge per raggiungere i suoi obiettivi di sfruttamento. Alcuni la vedono come un'arpia urlante. Come psicoanalista, credo che l'intensità di questo assassinio di personaggi sia motivata da una misoginia in gran parte inconscia che è profondamente radicata nella psiche umana (maschile e femminile). È spesso attivato in risposta a una donna forte e indipendente. Ma questa inimicizia è particolarmente intensa per Hillary, che è emotivamente riservata e aggressiva nel perseguire la presidenza. (Vedi le recenti esilaranti caricature di queste qualità da parte di SNL.) ...Vedi tutto
Risposte 2
La diffamazione di hillary
Inviato Luglio 23, 2016 by Lic. Sherry Elizabeth Lupinacci Vigilio
In qualità di psicoanalista donna e convinta sostenitrice di Bernie Sanders, ti suggerisco di fare delle ricerche serie. Questo è un compito molto difficile perché è stata acquistata la maggior parte o tutta la stampa mainstream oltre a quelle istituzioni e istituzioni destinate a proteggere gli americani e soprattutto la democrazia.
La diffamazione di Hillary
Inviato 22 settembre 2016 by Il dottor William Earnest
L'articolo illustra perché il grande potenziale di un contributo psicoanalitico all'analisi delle questioni politiche non è stato realizzato. Seguendo alla lettera il playbook riduzionista, l'autore respinge ogni ragione che gli oppositori di Hillary potrebbero offrire e salta invece a dare priorità speculativamente alla questione "in gran parte inconscia" della misoginia. Che questa manovra di smascheramento abbia così tante, molte volte sfociata in una risposta di smascheramento altrettanto sprezzante è perso per l'autore, che sembra essere deciso a farsi strada a gomitate, per esempio, lo stretto allineamento di Clinton con le banche responsabili del crollo del 2008, o con un governo di destra che ha contribuito a installare in Honduras, o con politiche anti-welfare che ha contribuito a imporre negli anni '1990, ecc. Questo non vuol dire che la misoginia potrebbe essere l'organizzatore principale di alcune risposte a Clinton. Ma è per dire che la critica psicoanalitica non può aspettarsi di trovare un pubblico se sembra che parlare di motivazione inconscia significhi che la realtà mondana è impegnata nell'oscurità. Questa è una parodia da cocktail party della psicoanalisi applicata.
Inviato Febbraio 29, 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
Nilüfer ErdemPsicoanalista e membro di Psike Istanbul, scrive
"In che modo l'attuale turbolenta situazione in Turchia potrebbe influenzare il nostro lavoro di psicoanalisti? Questa è una domanda che ci viene posta sempre più spesso nei nostri incontri con colleghi di diverse parti del mondo. Cercherò di affrontare la questione con poche frasi Naturalmente è difficile e fuorviante, se non illusorio, pretendere di poter trarre generalizzazioni sulle esperienze cliniche di tutti gli psicoanalisti, a prescindere dalla situazione analitica specifica di ciascuna cura ". Vedi tutto


antigonestilman1.jpg
1 Rispondi
Risposta di: Dr. Gabriele Treu
Inviato 18 aprile 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
Nilüfer Erdem verknüpft die griechische Tragödie Antigone mit den Ereignissen in der Türkei und macht damit sichtbar, dass hier etwas aus der Urgeschichte der Menschheit wirksam ist. Ihre Beschreibungen haben mich sehr berührt, vielleicht auch deshalb, weil ich vor einigen Jahren das Glück hatte, die kreative Atmosphäre im Gezi Park und die hoffnungsvolle Aufbruchsstimmung in der Provinz Van mitzubekommen. Viele Menschen, denen ch begegnet bin, interessi per l'arte, cultura e saggezza, per meisten waren politisch engagiert. Es vibrierte in den gesellschaftlichen Übergangsräumen, um einen Begriff der Autorin aufzugreifen. Mir hat der Text nahegebracht, dass es bis in die innerpsychischen Räume der Individuen hineinreicht, wenn solche gesellschaftliche Übergangsräume angegriffen werden. Archaische Motive werden wachgerufen, und wir werden daran erinnert, dass wir alle betroffen sind, grenzübergreifend.

Eine Gruppe von Therapeuten hat eine Online-Petition gestartet, mit der türkische Wissenschaftler unterstützt werden sollen, die sich für Meinungsfreiheit und für inalftierte Kollegen einsetzen:

https://www.change.org/p/berna-m%C3%BCk%C3%BCs-freedom-for-academics-for-peace-in-turkey-international-campaign?recruiter=44674827&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink.

Nilüfer Erdem paragona la tragedia greca Antigone con i recenti eventi in Turchia e dimostra che la preistoria umana ha ancora la sua rilevanza nel mondo moderno. Sono stato molto commosso dalle descrizioni, probabilmente anche perché alcuni anni fa ho avuto la fortuna di vivere l'atmosfera stimolante di Gezi Park e lo spirito di ottimismo nella provincia di Van. Molte persone che ho incontrato erano interessate all'arte, alla cultura e alla scienza e la maggior parte di loro era coinvolta politicamente. Ha letteralmente vibrato nello spazio sociale di transizione - per riprendere un'espressione dell'autore. Il testo mi ha insegnato che tocca lo spazio psichico interno dell'individuo quando gli spazi sociali di transizione sono sotto attacco. I motivi arcaici di base vengono risvegliati e ci viene ricordato che questo riguarda tutti noi, indipendentemente da dove viviamo.
Inviato 18 aprile 2016 by Sig.ra Rhoda Bawdekar
I seguenti articoli provengono dal Comitato per le comunicazioni pubbliche.
1 Rispondi
Osservazioni psicoanalitiche dei fenomeni sociali
Inviato 19 aprile 2016 by Dott.ssa Laura Ravaioli
Le osservazioni psicoanalitiche dei fenomeni sociali sono importanti per comprendere la complessità e combattere quello stesso pregiudizio che crea violenza.