ASSOCIAZIONE LIBANESE PER LO SVILUPPO DELLA PSICOANALISI
(ALDEP)


L'Associazione Libanese per lo Sviluppo della Psicoanalisi (ALDeP) è la prima società, nel mondo arabo, ad essere affiliata all'International Psychoanalytical Association (IPA) e alla European Psychoanalytical Federation (EPF) come gruppo di studio da gennaio 2010.



BACKGROUND CULTURALE E BREVE STORIA 

Lo sviluppo della psicoanalisi in Libano deve tener conto del suo bagaglio storico e culturale e della diversità delle sue comunità religiose. Sebbene non sia stata confrontata con lo stesso livello di resistenza dei vicini paesi arabi, la psicoanalisi in Libano si è evoluta di pari passo con un lavoro di cultura che non può aver luogo senza prendere in considerazione i pregiudizi, i conflitti e le disposizioni che ne sono l'essenza. nazione. 

Nonostante i conflitti e le divisioni nazionali e regionali, l'impianto e lo sviluppo della psicoanalisi hanno avuto luogo durante la guerra in Libano (1975-1990) ed è stato ben accolto e sostenuto nel circolo della salute mentale e nelle università. In Libano, la pratica della psicoanalisi è iniziata nei primi anni '70 per l'interesse di alcuni psicologi e psichiatri per il lavoro di S. Freud. Tra i pionieri ci sono Michel e Marie-Thérèse Asfar, Mounir Chamoun, Adnan Houbballah e Adel Akl, raggiunti poco dopo da Liliane Ghazaly. La guerra civile libanese del 1975 ha provocato una battuta d'arresto nelle attività ancora modeste di questi primi analisti, ma non ha impedito loro di continuare la loro pratica clinica e accademica. Nel 1978 Michel Asfar morì, colpito da una scheggia nella sua casa. Un necrologio di Paul-Claude Racamier, pubblicato sulla Revue française de psychanalyse, testimonia le qualità e i meriti di questo analista scomparso nei primi anni della vita psicoanalitica libanese (P.-C. Racamier, Michel Asfar, Revue franise de psychanalyse , Presses universitaires de France, Tome 42, n ° 4, 1978). Si noti che altri praticanti hanno lasciato il Libano prima della guerra per stabilirsi in paesi come gli Stati Uniti (Antoine Hani), il Canada (George Awad) e la Francia (Nagib Khouri, Jacques Nassif…).

Pochi anni dopo, la Lebanese Psychoanalytic Society, la prima società nel Medio Oriente di lingua araba, fu fondata nel 1980 da A. Houbballah, M. Chamoun e A. Akl sulla falsariga della psicoanalisi francese freudiana e lacaniana. Le sue attività si sono sviluppate principalmente dopo la fine della guerra (primi anni '1990) con l'ammissione, nel 1995, di nuovi membri e lo sviluppo delle sue attività scientifiche. Meno di un decennio dopo, una serie di crisi istituzionali portò a una serie di dimissioni e alla creazione di nuovi gruppi, la maggior parte dei quali attualmente sciolti. Citiamo da questi gruppi Circle of Psychoanalytical Studies (CEP), Society of Psychoanalytical Psychotherapy in Children and Adolescents (SPADEA), Arab Center for Psychoanalytic and Psychopathological Research (CARPP) e Lebanese School of Psychotherapy and Psychoanalysis (ELPP). 

Nel 2009, cinque membri si sono dimessi da questa prima società e hanno fondato l'Associazione libanese per lo sviluppo della psicoanalisi (ALDeP) con l'obiettivo di un'affiliazione all'IPA. 

Dopo aver affrontato il trauma della separazione dalla società precedente e pianto la sua perdita, gli attuali membri di ALDeP, arricchiti dai loro diversi background psicoanalitici, sono riusciti a creare un team dedicato determinato a integrare completamente la comunità psicoanalitica internazionale.


I PRIMI PASSI DELL'ASSOCIAZIONE LIBANESE PER LO SVILUPPO DELLA PSICOANALISI (ALDeP)


Uno dei motivi principali della crisi istituzionale della società precedente era il desiderio di alcuni membri di entrare a far parte della comunità psicoanalitica internazionale, migliorare la fecondità teorica e clinica che questa comunità poteva portare ma soprattutto, introdurre una prospettiva oggettiva esterna ed esterna per prevenire ed evitare eventuale crisi futura. I pionieri dell'ALDeP ritenevano che non fosse nell'interesse della psicoanalisi odierna rimanere ai margini di un movimento internazionale che riunisce società scientificamente ricche, diverse nella loro complementarità. Rimanere ai margini di questo movimento porterebbe a un rischio di isolamento e impoverimento di un discorso psicoanalitico composito che è andato crescendo sin dai tempi di Freud. Pertanto, uno degli obiettivi principali dell'ALDeP è stato quello di unirsi a questo movimento lavorando per mettere in atto i passaggi per un'affiliazione all'International Psychoanalytical Association (IPA).

Fondata da cinque psicoanalisti libanesi, alcuni membri diretti dell'IPA e altri della Paris Psychoanalytical Society (Mona Charabaty, Wafica Kallassi, Marie-Thérèse Khair Badawi, Nagib Khouri e Maurice Khoury, presto raggiunti da Mouzayan Osseiran e successivamente da Nayla De Coster) , ALDeP è ufficialmente riconosciuta dal Ministero dell'Interno libanese il 26 marzo 2009 (Gazzetta ufficiale del 2 aprile 2009). Il suo scopo è: 

  • trasmettere e sviluppare la psicoanalisi come disciplina scientifica specifica e come metodo terapeutico e di ricerca secondo il lavoro di Freud e dei suoi successori 
  • promuovere la pratica e la teoria della psicoanalisi organizzando seminari, workshop clinici, tavole rotonde e conferenze 
  • incoraggiare gli scambi con colleghi di vari orientamenti consolidando i rapporti con diverse scuole di pensiero psicoanalitiche in Libano e all'estero 
  • organizzare la formazione dei candidati alla pratica della psicoanalisi; ALDeP segue il modello di formazione francese e l'analisi personale avviene prima del processo di apprendimento ufficiale e istituzionale. Come per tutti i modelli, la formazione si basa sulla procedura del concetto tripartito (psicoanalisi personale, supervisioni e
  • seminari teorici e clinici) e sul ruolo centrale dello psicoanalista e la sua responsabilità nel processo psicoanalitico reinventando un ascolto specifico, trovando alternative per lo sviluppo del processo analitico e consentendo così al paziente di rinvigorire la propria vita. Oggi, ALDeP comprende quindici praticanti, sette membri a pieno titolo e otto candidati.

Diversi mesi dopo la fondazione nel marzo 2009 e le visite del comitato del sito IPA (Dr. André Beetschen dell'Associazione Psicoanalitica Francese e Dr. Vojislav Curcic della Società Psicoanalitica della Serbia), ALDeP è stato approvato come Gruppo di Studio IPA alla riunione del Consiglio IPA nel gennaio 2010, NY, USA. Durante il 2010, il Comitato Esecutivo dell'IPA ha nominato un Comitato di Sponsorizzazione composto dai Drs. F. Ladame (Società svizzera di psicoanalisi) e S. Frisch (Società psicoanalitica belga).

Le attività scientifiche di ALDeP consistono in seminari, workshop clinici, conferenze e incontri. I seminari interni sono riservati ai candidati.

Altri seminari e workshop clinici sono aperti a psicoanalisti e psicoterapeuti interessati alla psicoanalisi. Si tengono regolarmente conferenze e incontri orientati a un pubblico più ampio. Oltre ai puri argomenti psicoanalitici, trattano generalmente argomenti di vari campi come la letteratura e altri temi culturalmente orientati. Inoltre, e in una prospettiva di dialogo, ALDeP ha inaugurato, a partire dal 2016, dibattiti con psichiatri e terapisti di approcci non analitici. 

I membri dell'ALDeP partecipano anche attivamente a riunioni scientifiche al di fuori dell'associazione, tra cui la conferenza annuale degli psicoanalisti di lingua francese (CPLF), le conferenze annuali dell'IPA e dell'EPF, nonché le conferenze sull'analisi dei bambini del Groupe d'Etudes et de Recherches Psychanalytiques pour le développement de l 'Enfant et du Nourrisson (GERPEN) e Société Européenne pour la Psychanalyse de l'Enfant et de l'Adolescent (SEPEA). 

Sebbene formati principalmente nella prospettiva della psicoanalisi francese, gli psicoanalisti che attualmente praticano in ALDeP mostrano anche un'apertura ad altre scuole di pensiero psicoanalitiche, in particolare l'orientamento kleiniano, post-kleiniano e winnicottiano britannico. Questa apertura sembra essere dovuta principalmente alla natura culturale pluralistica del paese e al crescente interesse per la psicoanalisi infantile, ampiamente sviluppata nel Regno Unito. La psicoanalisi con bambini, adolescenti e strutture mentali non nevrotiche ha dato vita a varianti tecniche e concettuali della pratica, varianti che hanno notevolmente arricchito l'approccio terapeutico ai disturbi psichici. Di conseguenza, il pensiero clinico che prevale all'ALDeP si basa su questo quadro multi-teorico, assortito con le esigenze della cultura libanese e della sua diversità (background arabo e occidentale).

La nostra visione per il futuro di ALDeP è quella di crescere da un gruppo di studio a una società componente formando nuovi candidati, ampliando l'appartenenza, raggiungendo discipline esterne e, in particolare, sopravvivendo alle attuali sfide socio-politiche di una regione colpita dalle guerre , conflitti e sfollamento delle popolazioni.