La psicoanalisi nell'era delle neuroscienze


Nell'attuale epoca d'oro della neuroscienza, un crescente interesse ruota attorno alla psicoanalisi. Dopo un lungo periodo in cui la scienza era stata considerata affidabile solo grazie alla sua possibilità di produrre dati oggettivi, oggi la prospettiva sulla soggettività è stata recentemente riaperta su molti fronti. Ciò ha prodotto un nuovo interesse per la teorizzazione psicoanalitica. La psicoanalisi si basava sull'esperienza soggettiva; il mondo interiore è stato oggetto di indagine da parte di Sigmund Freud. Da allora, lungo l'evoluzione di diverse prospettive teoriche e cliniche, un nuovo modello mente / cervello è alla base di una nuova epistemologia e nuove forme di trattamento. 

Dall'avvento del neuroimaging, è stato possibile studiare il cervello in vivo ed esplorare oggettivamente funzioni mentali superiori, correlando due aree di ricerca - solo apparentemente così distanti - come la psicologia e la neurologia.

Due domande principali critiche sono state la fonte di interesse e controversie negli ultimi anni.

· XNUMX€ I risultati neuroscientifici sono utili per la psicoanalisi?

· XNUMX€ In che modo la psicoanalisi può contribuire alla comprensione e all'ulteriore investigazione delle scoperte neuroscientifiche?

La sezione è organizzata in 4 parti: 

· XNUMX€ La neuroscienza in breve
· XNUMX€ Chi è chi
· XNUMX€ Libri ed eventi
· XNUMX€ Messo a fuoco

Psychoanalysis & Neuroscience è una finestra aperta in entrambi i campi e nelle loro relazioni inter-complementari ed è aperta ai contributi. Scrivere a [email protected] che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana [email protected]

Claudia Spadazzi e Rosa Spagnolo
A cura di Anna Christopoulos

Credito immagine: DiscoverMagazine.com

La neuroscienza in breve

Credito d'immagine: Alastair Grant